Riceviamo e Pubblichiamo

In riferimento all’invito rivolto da Francesco Saponaro ai candidati,  e a me in particolare, a “parlare di più e in prima persona”, intendo precisare che sino ad oggi, ad eccezione di un intervento esplicitato nei giorni scorsi  in favore della celebrazione delle primarie, volutamente sono rimasto in silenzio, non intendendo minimamente interferire anch’io, con ulteriori esternazioni, nell’opera di mediazione che continua, anche in queste ore, ad essere in corso tra le forze politiche al fine di recuperare l’unità della coalizione del centrosinistra.

Da entrambe le parti  si sostiene, invero,  che bisogna operare ogni plausibile massimo sforzo per comporre la frattura, ma di fatto mi pare che molti interventi, sia per i toni e sia per i contenuti polemici, che spesso ingenerano reazioni a catena, non risultino assolutamente utili allo scopo.

Assumere in questo delicato momento posizioni rigide di fughe in avanti, di contrapposizioni o di strumentali pubblici proclami, a maggior ragione se poi provengono da parte di soggetti che , allo stato, risultano ancora potenziali, se non addirittura solo ipotetici, candidati, visto che dalle recenti dichiarazioni di esponenti di vertice delle forze politiche emerge la concreta possibilità di una “terza scelta”, ritengo che sia in alcuna maniera costruttivo, se non proprio deleterio.

Per cui, nel mio attuale ruolo, attenderò sino a quando la situazione non si sarà definita, mi auguro con il  naturale ricompattamento del centrosinistra, dopo di che,  nel caso di conferma della  mia candidatura, farò conoscere ai cittadini, sicuramente con la obiettività e i toni pacati che mi sono consueti, compiutamente il mio personale pensiero ed  esporrò,  con ogni possibile chiarezza, le mie “idee”, i miei programmi e i miei progetti per la città di Ostuni.

Nicola Santoro

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...