Riceviamo e pubblichiamo

Francesco-SaponaroIn relazione alle notizie di stampa sui miei incontri in veste di candidato Sindaco del Partito Democratico, SEL e Ostuni Democratica confermo di avere incontrato Nicola Santoro e di aver avuto con lui un ottimo colloquio improntato al dialogo civile e rispettoso. Abbiamo discusso dei pro e dei contro delle primarie e della ipotesi di andare alle elezioni divisi ma in una cornice di confronto costruttivo per non accantonare definitivamente la prospettiva di ricomposizione del centro- sinistra in Ostuni. Abbiamo inoltre commentato gli inviti, contenuti anche nella stampa di domenica, ad un dialogo diretto tra di noi, convenendo sulla inopportunità di nostre personali iniziative. Lascio alla sfera protetta dalla privacy altri contenuti più privati del nostro colloquio. Nel merito ho proposto a Santoro, come avevo fatto pubblicamente con Coppola, di definire alcuni principi-base di radicale rinnovamento dell’agire politico: la questione morale, la visione della politica locale come servizio civile e non esercizio arbitrario del potere, la civiltà di in confronto tra persone che dialogano sul futuro della città senza urlare come nell’Opera dei Pupi. Tutti i candidati, se vogliono ridare onore e credibilità alla politica, dovrebbero puntare a convincere prima che a vincere. Ridurre questo dialogo di due ore ad una questione di organigrammi significa volere sempre e soltanto scontri e risse. Come molti cittadini anche io mi aspetto che parlino di più ed in prima persona i candidati, compreso Nicola Santoro.

Francesco Saponaro

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...