Parco delle Dune, importanti novità dopo l’adozione definitiva del piano territoriale approdato un giunta regionale

fig.4 paesaggio olivetato
fig.4 paesaggio olivetato

Importanti novità per il Parco delle Dune Costiere

Con l’approvazione della giunta regionale pugliese, il parco delle dune Costiere è vicino all’adozione definitiva del piano territoriale. Un percorso condiviso iniziato nell’estate del 2013 e condiviso non solo dagli enti consorziati ma anche da tutti gli operatori protagonisti delle dinamiche del Parco. Tra gli interventi previsti una maggiore tutela del sistema delle dune, un accrescimento dell’importanza delle lame e del complesso di grotte, e nuovi percorsi di mobilità sostenibilità, anche attraverso interventi sulle piste ciclabili . Gli innumerevoli riconoscimenti avuti dal parco negli ultimi anni, testimoniano come il puntare sulla conservazione degli habitat naturali e sulla biodiversità sia stata una scelta quanto mai appropriata. Tra i certificati di qualità ottenuti  dal parco delle dune costiere che racchiude un territorio che va da Torre Canne fino a Torre S. Leonardo, quindi all’interno dei territori di Fasano e Ostuni, uno dei più rilevanti è senza dubbio quello del settembre 2012, ovvero, la Carta Europea del Turismo Sostenibile (CETS) strumento operativo per la gestione del turismo nei Parchi, ideata ed attribuita da Europarc Federation nel 1998. Uno strumento  che ha permesso in questi anni di attuare un coinvolgimento sempre più ampio degli operatori dei vari settori interesstati all’aerea, dagli agricoltori agli imprenditori turistici. Tra le recenti iniziative del parco regionale il seminario itinerante di studio sulla Via Francigena del Sud”, ovvero quei percorsi storici presenti in ogni territorio, in cui si può includere anche la via Traiana, l’antica strada romana costruita fra il 108 ed il 110 d.C. per volontà dell’imperatore Traiano che cade proprio allinterno dellarea naturale ostunese.

Guarda Anche
Scelti Per Te