11992109 10207701092075879 1835424323 n
11992109 10207701092075879 1835424323 n

Dal 6 al 27 settembre 2015 “La Dea Si Mostra”

di Angela Anglani

La DEA si Mostra è il titolo un evento organizzato dall’IDéeSse Club nell’ambito del 60esimo anniversario della Citroën DS e si inserisce in un programma di eventi internazionali partiti da Montecarlo passando per Parigi che si svolgeranno per tutto il 2015 per rievocare il mitico modello francese.Il Relais La Sommità, Glamour set a 5 stelle, a Ostuni, un luogo unico che trasmette emozioni senza tempo, è da domenica 6 sino al 27 settembre, l’esclusivo scrigno de “La DEA si Mostra”,un percorso insolito e curioso che si snoda attraverso le vite parallele di due forme estetiche, una raffinata commistione di foto e abiti eleganti con musiche senza tempo. Un raffinato aperitivo tra atmosfere parigine, foto in bianco e nero, eleganti defilé e melodie francesi per un viaggio sensoriale negli anni ’50, attraverso immagini d’epoca dei grandi personaggi che hanno abitato la Citroën DS, testimoni di quel tempo che è stato fonte di glamour ed eleganza senza fine, un percorso nel lusso e nella bellezza del design a suon di chansons. Protagonista della scena è la Citroën DS: DS in francese si legge DéeSse che significa Dea. Sarà l’occasione per ammirare da vicino un pezzo fondamentale della storia dell’automobile.La Citroën DS, la Dea, è un simbolo dell’elite della sua epoca, quell’elite che oggi chiameremmo jet-set: uomini e donne dello spettacolo e della cultura, che hanno dettato stile anche nella moda. Automobile–Moda–Design: elementi che sembrano destinati ad una continua fusione: la loro sinergia crea l’immagine indiscussa, crea il mito. La “Déesse” auto indimenticata, anche dai non “diessisti”, resta una delle auto più belle mai prodotte, simbolo di arte in movimento e di classe indiscussa. In Italia, l’IDéeSse Club (www.ideesse.it) da venticinque anni è la più grande associazione tra i possessori delle vetture Citroën ID, D e DS (come le varie versioni sono state battezzate negli anni di produzione). L’IDéeSse riunisce circa cinquecento appassionati in tutto il territorio nazionale ed organizza annualmente incontri dedicati ai propri Soci, dando a tutti, al tempo stesso, la possibilità di ammirare alcune tra le vetture meglio conservate, perfettamente in grado di percorrere migliaia di chilometri, per ritrovarsi in giro per l’Europa. Tra le finalità dell’IDéeSse Club hanno un ruolo primario tutte le attività volte a favorire la conoscenza e la cura dell’immagine della Citroën DS, icona del design internazionale. A tal fine organizza eventi di natura prettamente culturale che risaltano quello stile di vita un po’ dandy al quale la DS ispira, questo anche grazie alla collaborazione degli illustri proprietari di questa vettura. Con questo evento, l’IDéeSse Club centra una delle sue prerogative: “la diffusione dell’immagine della Citroën DS”. Questo ha portato Francesco Fedele, Consigliere del Club e referente per la Puglia, ad ideare “La DEA si Mostra”, realizzato grazie alla consulenza iconografica del Centro Documentazione Storica Citroën.Ha illustrato la manifestazione Daniela Chionna – Artist Designer, impegnata in promozione di Arte, Design e Cultura ,Defilé a cura di Antonio Franco, stilista in Lecce – Sartoria Artigianale Atika, capi e accessori vintage accuratamente selezionati.Atmosfere musicali di Vince Abbracciante, musicista di fama internazionale, Premio Mondiale di Fisarmonica.Si sono degustati i vini Calitro, Gran Menzione al Vinitaly di Verona, Il nobile formaggio Don Carlo, Menzione speciale al Cibus di Parma, consigliato dal Gambero Rosso. La Citroën DS è l’auto che ha stupito il mondo intero e che ancora oggi cattura gli sguardi incuriositi: disegnata dallo stilista italiano Flaminio Bertoni, è un esempio di come un prodotto industriale possa riuscire a coniugare virtuosamente tecnica e stile, utilità ed armonia, funzionalità ed estetica, comfort e sicurezza. La forma, perfettamente compiuta, non possiede una logica e una «modernità» fine a sé stessa, ma sottende una tecnica innovativa e raffinatissima, di cui è -nello stesso tempo- funzione ed espressione. La DS ha avuto, ed ha tutt’oggi, un forte legame con l’espressione artistica: già protagonista di una comunicazione pubblicitaria d’avanguardia, di servizi fotografici firmati da Helmut Newton, Henri Cartier Bresson, William Klein, Robert Doisneau, di innumerevoli film di successo, è ancora oggi un’auto molto ricercata nell’era dei video-clip e della multimedialità. E’ stata l’auto di attori, Capi si Stato, personaggi famosi e capitani d’industria: il generale De Gaulle e Yuri Gagarin ne possedevano una, ma anche Giangiacomo Feltrinelli, il principe d’Olanda, la famiglia reale di Monaco, per citarne solo alcuni. In Italia è stata anche l’auto dell’ispettore Ginko nel fumetto Diabolik. Vi sono foto che ritraggono delle DS con Grace Kelly, Jacqueline Kennedy, Brigitte Bardot, Carla Bruni, Sofia Loren, Alain Delon, Marcello Mastroianni, Gina Lollobrigida, Monica Vitti, Alberto Sordi, Gérard Depardieu, Jean-Paul Belmondo, la principessa Heredera Margrethe di Danimarca, Orson Welles, Lino Ventura, Louis de Funes, Jane Birkin, Michéle Morgan, Francis Ford Coppola e tanti altri. Vera «scultura in movimento», ha avuto la sua consacrazione con il premio consegnato a Citroën da Gio Ponti alla XI Triennale di Milano (1957), dove venne esposta accanto alle opere di architetti e stilisti universalmente conosciuti: un onore riservato soltanto a pochi capisaldi del design automobilistico mondiale. Ultimamente alcune Citroën DS sono state esposte per eventi di design e moda in via Montenapoleone a e via della Spiga a Milano cosi come a Parigi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

TI RACCOMANDIAMO