Due anni fa moriva uno dei più grandi cantautori italiani, Franco Califano

Califano Ostuni3
Califano Ostuni3

Il ricordo di Franco Califano anche ad Ostuni

Di Angela Anglani

Sono trascorsi due anni da quel 30 marzo 2013 in cui Franco Califano perdeva la vita, stroncato da un infarto, quel FrancoCalifano che decise di fare incidere sulla sua lapide la frase “Non escludo il ritorno”, titolo del brano presentato al Festival di Sanremo nel 2005. Nei suoi settantaquattro anni di vita il Califfo ha regalato al mondo oltre 1000 opere tra poesie e canzoni, finendo nella lista degli artisti italiani che hanno venduto il maggior numero di dischi, con oltre 20 milioni di copie andate a ruba negli anni .Se ne è parlato tanto di franco Califano anche troppo, anche se in molti hanno parlato senza sapere fino in fondo chi era Franco Califano. Un uomo semplice, che dalla vita ha sempre saputo prendere il meglio, al quale all’improvviso sono stati tolti libertà e dignità con accuse infamanti mai provate. Franco è stato il primo, insieme a Enzo Tortora, a scoprire sulla propria pelle la malagiustizia. Tre anni e mezzo di carcere per un reato che non aveva commesso, esattamente come il conduttore di Portobello che invece ha pagato con la morte. Tre anni e mezzo di sofferenze prima di essere scagionato ma senza che nessuno chiedesse scusa. Franco era un uomo sensibile e se vogliamo anche solo nonostante le tante donne che hanno fatto da colonna sonora alla sua vita. Indossava sempre delle lenti azzurrate, quasi a nascondere gli occhi e la sua malinconia. La sua vita era la musica. Scriveva nel cuore della notte poesie in musica che raccontano una vita spericolata, piena di amici, di passioni e soprattutto di belle donne. Ma anche di grandi soddisfazioni, come nel 2005 quando la New York University gli conferì la laurea honoris causa in Filosofia con la motivazione «Con Tutto il resto è noia ha scritto la più bella sintesi della «Filosofia dell’uomo latino», un riconoscimento di cui Franco andava particolarmente fiero. Grandi auto, la sua passione, la sua Bentley che ha fatto il giro d’Italia, nei locali della Penisola dove la gente faceva la fila per poterlo vedere, ammirare. Circondato da tante donne, verità indelebile, tutte ai suoi piedi. Era giovane e bello, ma anche quando le primavere sulle spalle cominciavano ad incalzare, la fede dei suoi fans e delle sue ammiratrici non è mai venuta meno. Lo amavano tutti, i più attempati ma anche i giovani che con il tempo lo hanno scoperto, perché Franco sapeva parlare a tutti con parole semplici che arrivavano diritte al cuore. La sua spensieratezza, i suoi amici, quelli veri,qualcuno anche qui ad ostuni, primo tra tutti Cesare Lo Martire,la famiglia Bruno, Mimmo Mele,Pino Nardelli, Angelo Sacco, Enzo Farina e Stefano e Mimino proprietari del ristorante “Rest Club Spessite”dove Franco trascorreva le sue serate davanti ad un piatto di orecchiette con le cime di rapa, quelli che non gli hanno voltanto le spalle nei momenti difficili, insieme davanti a un bicchiere di coca e rum, la sua allegria che a volte si scontrava con la sua solitudine una volta chiusa la porta di casa. Due anni sono passati e oggi i Negramaro hanno omaggiato il cantautore con una loro versione di “Roma nuda” accompagnata da un video curato dal regista Tiziano Russo. Giuliano Sangiorgi ha scritto che Roma è “nuda” da quando il “Califfo” è scomparso e ha definito i suoi brani e il modo di cantare antichi e moderni allo stesso tempo. L’artista ha ricordato che quando Franco Califano scriveva un brano sulla Capitale, ne svelava tutti i segreti e proprio questa sua caratteristica lo ha reso “Il poeta di Roma”. Anche il cantante dei Tiromancino Federico Zampaglione ha ricordato il “Califfo” postando su Facebook il video di “Non escludo il ritorno” accompagnato dal messaggio: “Esattamente due anni fa il Maestro Califano ci lasciava. Lo voglio ricordare con questa canzone scritta insieme. Franco ha voluto che il titolo di questo pezzo fosse inciso sulla sua lapide. Ciao Maestro mio, sei nel mio cuore e ti penso sempre”.

Il ricordo dei Negramaro

Guarda Anche
Scelti Per Te