Un sorvegliato speciale è accusato di ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale e violazioni del regime della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza.

A bordo di un’auto rubata, senza patente alla vista dei poliziotti ingaggia inseguimento. Un sorvegliato speciale di Fasano, V.S., 48 anni, è stato arrestato dagli agenti del commissariato di polizia di Ostuni per ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale e violazioni del regime della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza.

L’inseguimento
I fatti si sono verificati nello scorso fine settimana durante un servizio di controllo del territorio da parte dei poliziotti nelle campagne tra Ostuni e Cisternino. L’uomo è stato notato aggirarsi con fare sospetto a bordo di un’utilitaria, quando gli agenti hanno deciso di fermarlo per un controllo ha ignorato l’Alt ingaggiando un inseguimento che “tra manovre azzardate e ripetuti cambi di direzioni” si è concluso nel centro urbano di Cisternino con un incidente: il fuggitivo si è schiantato contro un auto. Sceso dalla macchina ha tentato la fuga a piedi ma è stato raggiunto e bloccato nel giro di pochi minuti.

L’arresto
“Alla fine dell’intervento, solo grazie all’abilità del personale della Polizia di Stato non si sono avute conseguenze ne si sono registrati danni a persone o a case eccezion fatta per qualche contusione e abrasioni riportate dai due poliziotti”, si legge in una nota della polizia. L’uomo è risultato essere sottoposto alla Sorveglianza speciale di pubblica sicurezza e al momento dell’inseguimento avrebbe dovuto trovarsi in casa nonché guidava privo di patente un’auto rubata. Su disposizione del pubblico ministero di turno è stato arrestato e posto ai domiciliari.

“Per l’intervento è apparsa fondamentale la segnalazione di alcuni cittadini nonché del personale di un istituto di vigilanza privato operante nella zona dei Comuni di Cisternino, Fasano e annesse frazioni”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...