L’aggressione agli Ultras della Virtus Francavilla, si è verificata alle porte del centro abitato di Ostuni, all’inizio della strada provinciale per Francavilla Fontana.

E’ un agguato in piena regola quello teso nella tarda serata di ieri (martedì 30 ottobre) a un gruppo di tifosi della Virtus Francavilla che rientrava a Francavilla Fontana, dopo aver assistito alla partita di Coppa Italia fra i biancazzurri e il Monopoli andata in scena allo stadio Veneziani di Monopoli. L’aggressione si è verificata alle porte del centro abitato di Ostuni, all’inizio della strada provinciale per Francavilla Fontana. Qui, stando alle notizie finora trapelate, un’automobile a bordo della quale viaggiavano i tifosi del “Commando Ultrà 1998” di Francavilla Fontana è stata fermata da un paio di persone, a volto scoperto, che hanno simulato un posto di blocco.

L’auto dei francavillesi a quel punto ha accostato. Subito dopo, da dietro, sarebbe arrivata un’altra auto con un gruppo di individui incappucciati a bordo, armati di spranghe. A quel punto, i francavillesi sono stati accerchiati ed è partito il pestaggio. Gli aggressori si sono impossessati dello striscione del gruppo ultras biancazzurro e hanno colpito più volte sia il veicolo, rompendo i vetri e danneggiando la carrozzeria, che i malcapitati francavillesi. Al culmine dell’assalto è stato persino lanciato un fumogeno acceso dentro l’auto. Uno dei tifosi della Virtus è riuscito a gettarlo all’esterno, prima che l’abitacolo prendesse fuoco.Questi è stato trasportato presso l’ospedale Perrino di Brindisi, dove gli sono state medicate le ustioni alla mano causate dal fumogeno. Anche altri due francavillesi sono stati medicati dal personale sanitario: uno con ferite alla testa, l’altro con lesioni alla spalla.

Le indagini

Nella mattinata odierna (mercoledì 31 ottobre) i tre si sono recati presso il commissariato di polizia della Città Bianca per sporgere denuncia. Sull’accaduto indagano anche i poliziotti della Digos della questura di Brindisi. Si presume che il raid sia stato perpetrato da una frangia ultras di un’altra tifoseria, ancora da identificare. Sarebbero circa 10 le persone coinvolte. Gli investigatori hanno acquisito le immagini riprese dalle telecamere della zona.

Sciolto il gruppo ultras

La notizia dell’agguato è stata diramata dallo stesso gruppo ultras di Francavilla, tramite una nota pubblicata sui social network in cui il presidente del Commando Ultrà 1998 di Francavilla Fontana, Giampiero Campanella, insieme agli altri fondatori Giosuè Di Coste, Gerardo Di Brindisi, Donato Ribezzo ed Emanuele Rodia, “comunicano con profondo rammarico che lo storico gruppo, dopo 20 anni al seguito dei colori biancazzurri in giro per l’Italia, è ufficialmente sciolto”.

“Tale decisione, purtroppo – si legge nella nota – si rende inevitabile dopo che, al rientro dalla trasferta di coppa Italia contro il Monopoli, alcuni componenti sono stati vittime di un vile attentato in cui, tra l’altro, è stato sottratto lo striscione del Commando che ha rappresentato con orgoglio in gruppo in questi anni in ogni trasferta”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

TI RACCOMANDIAMO