Il Corpo Forestale dello Stato sequestra nelle marine di Ostuni un’area di 6.000 metri quadrati

1
1

I forestali di Ostuni sequestrano un’area di 6000 mq

Il Comando Stazione di Ostuni (BR) del Corpo Forestale dello Stato ha provveduto a porre sotto sequestro, sul litorale tra la località di Monticelli e  Diana Marina, in agro di Ostuni, un’area di oltre 6.000 mq. sulla quale erano stati eseguiti lavori di sbancamento e asportazione del soprassuolo vegetale ivi presente. I lavori in questione erano stati effettuati per mezzo di una trattrice agricola con l’intento di ricavare superficie utile da coltivare a seminativo.

I terreni in esame, di proprietà di un Istituto Religioso, erano stati ceduti in comodato d’uso ad un imprenditore agricolo della zona che li aveva rilevati al fine di coltivarli. Quest’ultimo, ha proceduto però, non solo alla aratura sulle aree già a seminativo, ma anche nelle zone ricoperte da vegetazione retrodunale, danneggiando irrimediabilmente l’habitat ivi presente, tutelato dalla norma nazionale nonché comunitaria. I lavori, infatti, oltre ad interessare le aree a gariga e a pseudo-steppa mediterranea presenti sulle scogliere della zona, erano stati effettuati anche sull’area demaniale, fino ad interessare la spiaggia presente nella caletta.

L’autore di tali fatti, V.T., risponderà del reato di danneggiamento di bellezze naturali previsto per tali opere dall’art. 734 del Codice Penale (“Distruzione e deturpamento di bellezze naturali”), oltre a quello prescritto dal D.L.vo 42/2004 (Codice dei Beni culturali e del paesaggio), che sanziona penalmente chi esegue opere su beni paesaggistici senza la prescritta autorizzazione.

Comunicato Stampa Corpo Forestale dello Stato

Guarda Anche
Scelti Per Te