foto 1 1
foto 1 1

Quel canile è a norma e, anzi, è una struttura riconosciuta a livello nazionale e internazionale da organismi importanti quali Enci (Ente Nazionale della Cinofilia Italiana) e Fci (Fédération cynologique internationale). Dunque non abbiamo riscontrato alcuna violazione“. A intervenire sulla vicenda relativa alle polemiche innescate attorno alla gestione del canile di contrada Camere (sulla Martina-Ostuni) è l’Assessore all’Ambiente, Antonio Molentino.

Abbiamo, in collaborazione con gli operatori dell’Asl di Brindisi,  – ufficializza l’Assessore – effettuato tutte le verifiche possibili, dando riscontro così a delle lamentele che erano state espresse da alcuni residenti della zona e che avevano rimproverato anche alla stessa Amministrazione Comunale una sorta di negligenza nell’effettuazione dei controlli sul canile.  Dopo alcuni sopralluoghi abbiamo invece potuto accertare di come si tratti in realtà di un allevamento di purissimi setter inglesi, riconosciuto da due tra le più prestigiose associazioni e federazioni che tutelano le razze canine in Italia e all’estero.

La Asl ha eseguito tutti gli accertamenti verificando che la struttura è a norma, che le deiezioni canine vengono regolarmente raccolte in un bidone di compostaggio destinato poi allo smaltimento, così come recinzione è perfettamente integra, i box per il ricovero dei cani sono in ottime condizioni igienico-sanitarie. Possiamo dunque affermare – prosegue Molentino – che è tutto a norma e non vi è quindi alcuna violazione di normative. Tra l’altro, il proprietario dell’allevamento è anch’esso giudice internazionale Enci e quindi è totalmente escluso il pericolo di maltrattamenti nei confronti degli animali. Dunque – assicura l’Assessore – non vi sono le condizioni per emettere sanzioni di alcun tipo nei confronti della struttura.

Cosi come – puntualizza ancora Molentino – non vi sono, nei terreni circostanti, nè cumuli di letame nè resti di carcasse come qualcuno aveva segnalato. La cosa che spiace è che, evidentemente – conclude Molentino – si è voluto strumentalizzare una vicenda solo per alimentare beghe tra vicini che nulla hanno a che fare con il canile.”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...