foto 3 11
foto 3 11

foto 1 (3)

Una folla gremita ha dato il suo ultimo saluto ad Enzo (Oronzo) Longo, imprenditore-ciclista ostunese morto per infarto lo scorso 25 agosto mentre era alla guida del Ford Transit della sua azienda “Longo Biciclette”.

Alle 10 questa mattina, tutti i ciclisti del Bici Club Ostuni, all’arrivo della salma, si sono fatti trovare schierati sui gradini della chiesa per dare l’ultimo saluto al giovane ostunese, alcuni di loro tra cui Vincenzo Molendino e Paolo Greco (amici di sempre), hanno portato a spalla il feretro.

I funerali sono stati celebrati nella chiesa di San Luigi Gonzaga ad Ostuni, da don Franco Blasi, che nel suo intervento iniziale ha detto: “Siamo qui per salutare Enzo, atleta, imprenditore nel mondo dello sport, un padre, uno sposo sereno, Enzo lasciava la nostra città proprio mentre si preparava la festa del santo protettore Oronzo.

Noi oggi lo salutiamo perché questa è la sua ultima maglia, il suo ultimo traguardo. Proprio per questo sono convenuti intorno a lui i suoi amici che con lui hanno gareggiato, sapendo che oggi per Enzo è una corsa importante. In questa ultima corsa oltre agli amici ci sono la moglie e i figli ad accompagnare Enzo”.

Al termine della celebrazione, il saluto dell’amico di sempre, con cui Enzo Longo ha iniziato a 13 anni le prime gare in bicicletta, Piero Greco.

Caro Enzo, mai avrei potuto immaginare che un giorno mi sarei ritrovato qui, davanti alla tua adorata famiglia, ai tuoi cari parenti e di tantissimi amici presenti a rivolgerti a nome mio e tutti, questo ultimo saluto.

Hai voluto salutare questa vita terrena per volare nel cielo a pedalare con i grandi del ciclismo, strana coincidenza, il giorno in cui hai varcato le porte del paradiso, anche un altro grande uomo del ciclismo, Alfredo Martini, ti ha accompagnato verso questo ultimo viaggio. Lasci a tutti noi un velo di tristezza che porteremo per sempre nella nostra vita. Io ho avuto la fortuna di avviarti nel mondo del ciclismo e ricordo con molto piacere tre esperienze vissute insieme: il quinto posto ad Avellino sul circuito internazionale nel 1987, il secondo posto nella ‘Coppa San Rocco a Ceglie Messapica’ e nel 1989 la vittoria nel campionato amatori a Fiuggi.

La tua passione sul ciclismo ti ha portato, dopo aver lasciato l’attività agonistica, a continuare nel mondo delle due ruote con la tua azienda ormai conosciuta in tutta Italia. Hai dato la possibilità a tanti di avvicinarsi a questa disciplina sportiva, dando a tanti l’attrezzatura gratuitamente”.

Infine Piero Greco ha detto:Sei stata una persona speciale, un uomo buono, un amico sincero sempre disponibile, un punto di riferimento per chi pratica il mondo delle due ruote. Oggi la comunità di Ostuni perde un figlio che ha dato tanto a chi lo ha conosciuto, il mondo del ciclismo locale, regionale e nazionale è in lutto per questa prematura perdita. Io oggi saluto per l’ultima volta saluto un amico che per me è stato un figlio. Ciao Enzo”.

Sul social network, il presidente del Bici Club Ostuni, Vincenzo Molentino, al termine della cerimonia ha scritto: “In questo giorno molto triste, mi corre l’obbligo di ringraziare a nome mio, del Bici Club Ostuni e dei familiari del caro Enzo, tutti coloro che ci hanno fatto sentire il loro calore e la loro vicinanza, e per il grande l’affetto dimostrato in questo momento particolare per la dipartita di un uomo di sport, grande lavoratore ed esemplare Padre di Famiglia”.

Gli amici di Enzo al termine della celebrazione, hanno scortato in bicicletta il feretro nel suo ultimo viaggio verso il cimitero della Città Bianca.

Ostuni oggi perde un punto di riferimento nel mondo sportivo, un persona buona, disponibile, un imprenditore vicino alla esigenze di tanti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...