L’assessore ai Lavori Pubblici Francesco Palmisano è entrato nel merito degli interventi in corso d’opera, o già portati a compimento, presso le strutture pubbliche ostunesi, innanzitutto scolastiche.

Tra opere di realizzazione, manutenzione, ristrutturazione, riqualificazione e riduzione dei consumi energetici, il patrimonio pubblico del Comune di Ostuni nell’ultimo quinquennio è stato oggetto di numerosi interventi migliorativi, mirati ad accrescere il suo valore e a soddisfare in modo più opportuno le esigenze della cittadinanza.

Lo scorso lunedì 31 dicembre, durante la conferenza stampa indetta dal sindaco Gianfranco Coppola per tracciare un bilancio complessivo del suo mandato di governo e ufficializzare la sua prossima candidatura, l’assessore ai Lavori Pubblici Francesco Palmisano è entrato nel merito degli interventi in corso d’opera, o già portati a compimento, presso le strutture pubbliche ostunesi, innanzitutto scolastiche.

«Le scuole di competenza comunale di ogni ordine, hanno conseguito il certificato per la prevenzione del rischio incendi – ha dichiarato l’assessore Palmisano – un risultato che siamo riusciti a portare a casa nei limiti delle scadenze temporali previste dalla legge, con l’adeguamento dell’edificio che ospita la “Orlandini-Barnaba”. In materia di efficientamento energetico stiamo lavorando sulla realizzazione di nuovi impianti di pubblica illuminazione e sulla conversione di tutti gli impianti energivori, per poter conseguire quei livelli di conformità normativa non ancora raggiunti, che consentirebbero a Ostuni di diventare una smart city.

A questo si sommano altri progetti candidati a finanziamento, di cui uno di circa 1mln e 200mila euro già aggiudicato per la Biblioteca comunale, che riguardano l’efficientamento energetico della “O. Barnaba” e della sede distaccata comunale di via Filangieri. Un centro unico di elaborazione dati e di controllo, sarà allestito presso il Comando dei Vigili Urbani, per monitorare e interagire costantemente con tutti gli impianti di sicurezza e di miglioramento delle prestazioni, attraverso il sistema di tecnologie che si intende acquisire.

Sono stati affidati a una ditta di Ceglie Messapica, i lavori per il congiungimento dei due padiglioni dell’edificio “Pessina” agli ambienti del refettorio – continua Palmisano – e mi preme aggiungere che l’organizzazione dell’intervento sarà, come sempre, frutto di un confronto con la direzione scolastica, quindi con ogni probabilità l’operazione sarà portata a compimento durante la pausa estiva. Come anticipato dal sindaco, l’amministrazione intende migliorare la viabilità urbana e rurale, dedicando risorse alla manutenzione, e in alcuni casi al rifacimento, delle strade cittadine. Le somme da preventivare per rendere efficaci interventi di questo tipo sono parecchio esose, perciò abbiamo ritenuto opportuno dismettere alcuni edifici, che al momento non trovano nella prospettiva di sviluppo delle attività della pubblica amministrazione un interesse particolare nell’utilizzo, mettendoli in commercio. Un’operazione per cui va fatta una pianificazione economica importante, avviata attraverso l’apertura di una finestra di bilancio di 2,5mln di euro, che rappresenta un avvio al rifacimento delle strade cittadine. Inoltre, come dicevamo, in questi giorni sono in scadenza diverse aggiudicazioni di gara per la manutenzione di alcune strutture pubbliche, tra cui quella per la rivalutazione della facciata principale di Palazzo San Francesco.

Abbiamo pensato di mettere in sicurezza e a disposizione dell’intera collettività i parchi cittadini, partendo dalla villa comunale, che sarà resa presto oggetto d’intervento sia da un punto di vista impiantistico, che dell’arredamento e delle strutture da gioco. Intendiamo infatti dotare le aree dedicate ai bambini, come quelle di Piazza Torino, Piazza Genova, della villetta “Paolo D’Amico” e di largo Risorgimento, di giochi più inclusivi, a disposizione quindi di un’utenza diversamente abile. In cantiere abbiamo anche la riqualificazione dell’area verde di proprietà comunale nei pressi di viale Caduti di Nassiriya, dove è stato ripristinato il novero dei camminamenti interni e reso praticabile l’utilizzo dell’anfiteatro, una zona che diventerà presto un ludico punto d’incontro per ragazzi e sportivi.

È in fase di gara il progetto per il rifacimento di via Nino Sansone e viale Vittorio Emanuele II, per cui sono stati stanziati 250mila euro; mentre è stata già aggiudicata la gara per il rimaneggiamento di alcune strade rurali, su cui s’interverrà a breve. Un’altra gara in fase di aggiudicazione è quella per la ristrutturazione della San Giovanni Bosco, struttura scolastica composta da due padiglioni, oggetto di altrettanti piani d’intervento. Con 950mila euro si intende riparare ai dissesti del primo lotto, mettendo in sicurezza la struttura e adeguandola alle normative antisismiche.

Stiamo intervenendo in questi giorni sullo stabile che ospita la struttura socio-assistenziale per anziani “Pinto” con la revisione di alcuni difetti impiantistici che fortunatamente non hanno causato danni alla struttura in termini di sicurezza, ma che, seppur temporaneamente, ne hanno messo in difficoltà la salubrità e l’igienicità. Grazie all’aggiudicazione del finanziamento di riqualificazione della zona 167, con il progetto “Ostuni Città d’arte” renderemo nuovamente fruibile la struttura comunale “Il volo di Icaro”, che diventerà laboratorio sociale e centro di aggregazione. È stato inoltre approvato in giunta il progetto per la realizzazione della rotatoria sulla SS20, contenendone peraltro i costi, che ci auguriamo di portare a termine entro l’inizio della prossima estate. Un altro importante traguardo è stato raggiunto con l’intercettazione del finanziamento regionale di circa 950mila euro, per il miglioramento della connessione ecologica e della fruibilità turistica dell’area inclusa tra Parco Archeologico di Santa Maria d’Agnano e Parco naturale delle Dune Costiere.

Tutto questo riguarda la programmazione dell’attività amministrativa in materia di opere pubbliche, ma tanto è stato fatto sinora. La messa in sicurezza dell’edificio “Pessina” ha rappresentato la priorità assoluta di questa compagine di governo, preoccupata per l’incolumità dei piccoli alunni. Per il resto, con il ripristino del manto stradale e del ponticello sulla via Traiana, distrutto dall’alluvione del 2016; la sistemazione dello stabile dell’ex Pretura, rendendolo sede distaccata del Comune di Ostuni; il rifacimento dell’impianto d’illuminazione sulla strada per la Stazione e presso le località costiere di Diana Marina, Monticelli e Costa Merlata; la riqualificazione di via Silletti e De Laurentis, con la realizzazione della rotatoria su via Bosco e tante altre operazioni condotte a esclusivo vantaggio del patrimonio pubblico, questa amministrazione ha svolto un ottimo lavoro di pianificazione, puntando sul costante sviluppo del territorio».

Comunicato Stampa Comune di Ostuni

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

TI RACCOMANDIAMO