Incontro Agricoltori Xylella

L’appello all’unità. La ricerca di un’iniziativa condivisa, anche dal punto di vista politico, per sostenere l’interlocuzione in atto con il governo ed in particolare con il ministro dell’agricoltura Gian Marco Centinaio.

Mentre il comparto agricolo pugliese ultima i preparativi per la prima grande manifestazione in programma domani a Bari, il presidente della Regione Michele Emiliano interviene sui due fronti caldi, che stanno animando il dibattito tra le autorità istituzionali, ma anche tra i partiti e le associazioni di categoria: emergenza xylella e richiesta di stato di calamità per le gelate dell’inverno 2018.

«La Regione sostiene tutti gli olivicoltori pugliesi che chiedono aiuto al Governo per fare fronte ai danni che le gelate dell’anno scorso hanno provocato alla produzione olivicola più che dimezzando il raccolto, le giornate di lavoro, gli introiti. A questo scopo –spiega Emiliano- avevamo richiesto e ottenuto la promessa da parte del ministro Centinaio di dichiarare lo stato di calamità a seguito di una specifica deroga alle normative ordinarie da approvarsi con un provvedimento legislativo entro la fine del 2018».

Procedura stoppata almeno per il momento, che ha portato ad un botta e risposta nelle ultime ore tra Centinaio e l’assessore regionale all’agricoltura Lello Di Gioia. «La deroga si rendeva necessaria al fine di superare l’impedimento legislativo che esclude gli olivicoltori dalla possibilità di essere ristorati a causa di gelate in quanto eventi assicurabili. Non è dunque neppure concepibile un ritardo burocratico, erroneamente e strumentalmente ascritto alla Regione per la richiesta della dichiarazione dello stato di calamità per i danni 2018, visto che la procedura è alla Puglia preclusa in assenza di una deroga specifica alla legge 102 del 2004. Non si può essere in ritardo –sottolinea il governatore- per una procedura cui ad oggi non si ha diritto».

Poi la richiesta di Emiliano nell’ abbassare i toni per affrontare le due problematiche. «Invitiamo dunque il sofferente mondo dell’agricoltura e in special modo della olivicoltura pugliese a manifestare in modo unitario e solidale e a non dividersi in contrapposte fazioni. Per la parte istituzionale facciamo appello affinché in questa vicenda vengano bandite le locali speculazioni politiche. In un momento delicato in cui tra Regione Puglia e Ministero dell’Agricoltura abbiamo in corso l’emanazione dei provvedimenti per rallentare la espansione della xylella e per risarcire danni relativi agli olivicoltori delle zone divenute improduttive, serve coesione ed unità di intenti».

Ma le polemiche, anche interne, non mancano nelle ultime ore. Se venerdì le critiche al Pd pugliese, maggioranza in Regione, su presunti ritardi sul doppio fronte, erano giunte dall’onorevole della Lega Anna Rita Tateo, ieri su Facebook, è stato l’ex parlamentare dei democratici, Federico Massa, a non risparmiare accuse ai rappresentanti del suo stesso partito. «Tutto il mondo agricolo pugliese si mobilita perché è stanco di inadempienze, ritardi, approssimazione e incoerenza sul tema xylella. È una partita decisiva per la Puglia, non solo per gli agricoltori. Il Pd regionale ha l’obbligo, non la facoltà, di essere visibilmente al fianco di chi, giustamente, manifesta un disagio così grande; se non mi sono distratto io, finora ha taciuto». Un messaggio con più destinatari quello lanciato dal rappresentante salentino del Pd, che già in passato, più volte, aveva criticato l’operato del pugliese, Emiliano in testa.

Intanto però la macchina organizzativa degli olivicoltori non si ferma. Ieri si è riunito a Fasano, anche il tavolo di coordinamento della manifestazione che si terrà domenica prossima a Monopoli. Hanno preso parte, oltre ai rappresentanti dell’associazioni di categoria anche il consigliere regionale del Pd Fabiano Amati, tra i promotori dell’iniziativa, e Mario Monopoli, componente della segreteria provinciale per Brindisi dei democratici, che da tempo segue le criticità del comparto agricolo.

All’ iniziativa del 13, ma anche a quella di domani, l’Associazione Nazionale dei Comuni (Anci), ha preannunciato la partecipazione di suoi rappresentanti. «Nei giorni scorsi l’Anci Puglia, presieduta dal sindaco di Polignano Domenico Vitto –si legge in una nota- ha diffuso un documento per l’immediata attivazione di misure straordinarie di sostegno colturale e reddituale alle imprese del comparto».

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...