Fortemente promosso dal coordinamento pugliese di Federparchi e raccolto dalla Regione Puglia è stato firmato presso al sede della Regione il primo protocollo fra Federparchi, aree naturali protette e l‘Agenzia Regionale Irrigue e Forestale (ARIF).

Alla sigla dell’intesa hanno partecipato l’Assessore regionale Alfonso Pisicchio, Enzo Lavarra per Federparchi, Domenico Ragno per ARIF.  La convenzione-quadro fra Aree protette e agenzia regionale mira a superare la frammentazione degli interventi per le singole aree naturali protette e alleggerire i loro i costi (come quelli del personale che Arif metterà a disposizione dei Parchi). Oltre che per la specifica funzione  di protezione, rinaturalizzazione monitoraggio e vigilanza antincendio del territorio pugliese tutelato, il valore della collaborazione, sottoscritta con il protocollo, è anche nel suo carattere di apripista per la messa in comune dei servizi di altri enti funzionali della Regione a favore dei Parchi.

Il protocollo sarà a sua volta integrato con accordi complementari fra ciascuna delle aree protette e ARIF  in modo da rispondere alle esigenze particolari e agli specifici piani di intervento programmati da ciascuna area protetta.

Lavarra ha dichiarato: “Federparchi ha per prima proposto nelle passate assemblee regionali dei Parchi tale obiettivo, contribuendo attivamente alla sua stesura. Sento di manifestare vivo apprezzamento per la disponibilità dell’Assessore Pisicchio e del Direttore di ARIF Ragno; e non da ultimo va dato merito all’Ufficio Parchi della Regione per la competenza tecnica-giuridica delle sue figure professionali. Per noi è solo il primo passo di una nuova strategia: la Riforma della legislazione su Parchi e Riserve naturali. C’è troppa frammentazione, precarietà finanziaria e di organico e ciò disperde l’enorme patrimonio naturalistico. Daremo il nostro organico contributo di merito e di procedimento consultivo e ci confronteremo proficuamente al tavolo con la Regione per elevare a livello di sistema il governo delle aree naturali, comprese quelle concernenti Natura 2000”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

TI RACCOMANDIAMO