Conferenza Stampa Rifiuti
Conferenza Stampa Rifiuti

Firmata l’ordinanza d’’emergenza per scongiurare gravi disagi e problemi ambientali sul territorio: riaffidato il servizio di raccolta rifiuti ad Ostuni all’ Ati Gial Plast Bianco.

Si tratta, così, di una conferma delle stesse imprese che in questi giorni -nonostante la prima proroga sia già scaduta il 15 maggio scorso e dopo la bocciatura del Tar di Lecce dell’estensione del quinto d’obbligo come predisposto dal comune di Ostuni- non hanno mai cessato le loro attività.

Servizio svolto almeno fino a ieri senza una procedura che regolamentasse il rapporto instaurato tra l’ente pubblico ed il soggetto privato: ora l’ordinanza firmata dal sindaco Gianfranco Coppola copre questo vulnus amministrativo, emerso dopo la decisione del Tribunale amministrativo regionale il 24 luglio scorso. Si tratta di un provvedimento contingibile e urgente quello predisposto ieri dal comune di Ostuni.

«Ritenuto che, stante la condizione emergenziale e al fine di garantire la continuazione del servizio, di ordinare alle società Gial Plast srl e Bianco Igiene Ambientale srl di proseguire nello svolgimento del servizio di igiene ambientale sin qui svolto, nelle more della procedura di gara d’appalto biennale già avviata ed avente ad oggetto “Appalto biennale dei servizi di igiene ambientale”. Ravvisata, inoltre, la necessità – si legge nell’ordinanza- che venga garantita la continuità del servizio di igiene ambientale al fine di evitare gravi pericoli per la salute pubblica, anche in considerazione dell’attuale periodo estivo, che aggraverebbe la criticità dell’igiene urbana a causa dell’aumento della popolazione ordina in via temporanea ed urgente, dal 15 maggio 2018 e sino all’affidamento dell’appalto “ponte” e comunque non oltre il 31 dicembre 2018».

Contro l’ ordinanza è ammesso ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale entro 60 giorni. Una scelta quella dell’amministrazione che segue i primi incontri già avuti con l’Ati Gial Plast Bianco anche per rendicontare le attività svolte dal 15 maggio ad oggi, e l’organizzazione dei servizi in vista dei giorni più caldi, non solo dal punto di vista delle temperature dell’estate ostunese. L’imminente arrivo di Ferragosto ed i festeggiamenti di Sant’Oronzo sono i due appuntamenti più importanti della stagione turistica nella Città bianca, quelli che fanno giungere sul territorio il maggior numero di turisti. E così si popolano campagne e marine, aumentando anche la necessità di un’implementazione di servizi necessari come appunto quella della raccolta rifiuti su tutto il territorio e la gestione dell’isola ecologica. Elementi al centro del confronto ancora in atto in questi giorni tra gli uffici dell’assessore all’ecologia del comune di Ostuni e l’Ati Gial Plast Bianco.

Altro fronte caldo di queste ore è la possibilità che ci sia un’accelerata sul bando della gara-ponte, che servirà per scegliere il nuovo soggetto affidatario del servizio nella Città bianca in attesa che possa trovare una definitiva risoluzione il piano industriale unico tra i comuni che rientrano nell’Aro. In quest’ultimo caso tempistiche ancora lontane per essere definite per via della mancata convergenza dei comuni sul progetto unico.

Guarda Anche