WhatsApp Image 2017 03 18 at 19.22.08
WhatsApp Image 2017 03 18 at 19.22.08

Ieri Giancarlo Ruscitti, dirigente capo dipartimento salute della regione Puglia, e’ stato ospite dell’incontro pubblico che si è svolto nella Biblioteca comunale di Ostuni.

Alla manifestazione, organizzata dal comitato “La Tutela della salute provincia Brindisi Nord”, e promossa dal delegato nazionale di Sinistra Italiana Claudio Santoro, hanno partecipato anche i rappresentati di altri movimenti di protesta del brindisino. Al manager è stato sottoposto un documento, preparato dai tecnici incaricati dal comitato della Città bianca, tra medici e avvocati. Un report analitico delle norme e delle procedure presenti all’interno dell’ultimo piano di riordino ospedaliero, che penalizzerebbe- secondo i professionisti della Città bianca- oltremisura l’ospedale di Ostuni.

Sono intervenuti per il comitato, il presidente Giovanni Amati, Giuseppe Lacorte, Elio Spennati ed Alfredo Tanzarella. Il pool di esperti ha formalizzato una controproposta a Giancarlo Ruscitti.«Non stiamo portando avanti lotte di campanile. Noi vogliamo andare a Francavilla Fontana e Brindisi: però ci devono essere i posti letto che sono stati tolti ad Ostuni, le condizioni igienico sanitarie perché ci stanno arrivando testimonianze allarmanti, le qualità del servizio, che per anni- conclude Amati- sono state garantite nei reparti della Città bianca». Non si è fatta attendere la risposta di Ruscitti. «Esamineremo il documento. Abbiamo ascoltato quello che ci hanno chiesto i cittadini e valuteremo con serenità.

E’ stata richiesta la possibilità di ritardare alcuni trasferimenti, come per Pediatria e Cardiologia stante le lamentele su ciò che deve accogliere i servizi trasferiti. Andremo a verificare se questa situazione è oggettivamente delineata o se invece sia la paura del nuovo, del trasferimento, del doversi spostare che predomina, che è una paura legittima. I cambiamenti spaventano sempre. Non so se entro il sei aprile. Nel caso si decidesse di accogliere alcune delle richieste andrebbe fatta una modifica tecnico-politica a quanto prevede il piano». Presente sul palco anche il sindaco Gianfranco Coppola che ha evidenziato presunte promesse fatte e disattese dalla Regione  in merito al futuro degli ospedale di base, in riferimento in particolare alla unità complesse: per Ostuni, infatti, ci sarebbe il possibile declassamento in “semplice” delle strutture dei reparti di chirurgia e ortopedia. Il primo cittadino ha anche sottolineato la gravità delle attuali condizioni del pronto soccorso, e l’annosa questione della nuova piastra, su cui ci potrebbe essere nelle prossime ore un esposto alla Corte dei conti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...