DJI 0034
DJI 0034

‘La Puglia come un grande Parco diffuso, un luogo accogliente, sostenibile, che integra le vocazioni e punta sulla natura, sul paesaggio, sulla bellezza, sulla mobilità slow, per attrarre nuovi turismi, produrre benessere ed economia’.

E’ questo il progetto annunciato, questa mattina, dall’assessore regionale all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia, Loredana Capone, nel corso dell’incontro con il presidente regionale della Federazione Italiana Parchi e Riserve naturali, Enzo Lavarra.

“I parchi pugliesi sono un attrattore turistico fondamentale per la Puglia e un volano irrinunciabile di sviluppo sostenibile per una Puglia che vuole essere attrattiva 360 giorni l’anno – ha detto l’assessore. Occorre, però, fare rete, riconoscersi vero e proprio sistema. E’ indispensabile per ottimizzare le risorse e per costruire una programmazione comune e condivisa”.

“La Regione è pronta a fare la sua parte – ha aggiunto Capone – incentivando l’integrazione con il mondo dell’arte, della cultura, dello spettacolo dal vivo, intercettando nuovi servizi di fruizione turistico culturale, rafforzando il sistema della formazione degli operatori, coordinando le attività in essere con quelle previste dal Piano strategico regionale del turismo e della cultura, invitando all’adozione della Carta Europea per il Turismo Sostenibile nelle Aree Protette (CETS) così da migliorare la gestione del turismo nell’area protetta a favore dell’ambiente, della popolazione locale, delle imprese, dei visitatori”.

Ad oggi in Puglia sono riconosciuti formalmente due parchi nazionali, Gargano e Alta Murgia, tre aree marine protette (Torre Guaceto, Porto Cesareo, Tremiti), diverse riserve naturali dello Stato e quindici parchi regionali istituiti dalla Regione con legge regionale. Un patrimonio straordinario che con una governance efficace può diventare promotore di politiche attive e innovative di sviluppo sul territorio. Ed è proprio con questo auspicio che Regione Puglia e Federparchi Puglia hanno rinnovato, questa mattina, l’impegno a una collaborazione ancora più solida e duratura.

“Dal complesso dei parchi e delle aree naturali protette – ha concluso il presidente Federparchi Puglia, Enzo Lavarra – il rango internazionale della Puglia riceve un impulso esemplare. Anche grazie alla capacità da noi accumulata di avviare virtuose integrazioni tra tutela e valorizzazione di beni distintivi come paesaggio e cultura. I parchi sono fonte di turismo sostenibile e mobilità dolce, elementi sempre più attrattivi per il viaggiatore contemporaneo; e di fruizione e coscienza della nostra storia da parte delle nostre comunità. Con la collaborazione che oggi rilanciamo con l’assessore Capone diventeremo punto riferimento anche oltre i confini. Di queste prospettive parleremo a Roma al Convegno promosso da Federparchi e che vedrà la presenza di Europarc, l’Associazione europea di stanza a Bruxelles, e del Ministero per il turismo”.

Per la Regione Puglia la gestione dei Parchi rappresenta un’opportunità unica e autorevole per accrescere la qualità della vita dei cittadini e attrarre l’interesse di visitatori italiani e stranieri. Nel segno di questo obiettivo lunedì 4 febbraio si terrà il primo tavolo per definire strategia e piano d’azione.

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...