11258864 1466710483652912 3944024031016471702 n
11258864 1466710483652912 3944024031016471702 n

Grande successo per la “Cena in Bianco”

Di Angela Anglani

Oltre ogni previsione: una marea di commensali con tanto di tavolo, tovaglia e pietanze al seguito, rigorosamente candidi come la neve nonostante il caldo impietoso, che hanno “ridisegnato” in bianco viale Oronzo Quaranta Oltre 1000 i partecipanti alla “Cena in Bianco“, l’evento organizzato da Augusto Iaia, Paolo Pecere e Alberto Nacci in collaborazione con Pace Gioielli e AVIS Ostuni , un numero oltre ogni aspettativa, dato che in molti hanno deciso di arrivare all’ultimo. La prima edizione dell’evento di cui si ha notizia ha avuto luogo a Parigi nel 1988. Negli anni successivi la Cena in Bianco è divenuto un evento di portata internazionale, da New York a Barcellona, a Sydney e Singapore. In Italia è ormai un appuntamento fisso in città quali Firenze, Torino, Bari e Milano.Principale finalità dell’evento la condivisione del piacere di stare a tavola in uno spazio pubblico, prestigioso ed elegante, con una nuova dimensione di socialità. Nel rispetto delle 5 E (eleganza, etica, ecologia, estetica, educazione) i commensali, tutti rigorosamente in total white, hanno apparecchiato le loro tavole, con grande eleganza. Circa mille persone hanno collaborato a rendere piacevole la città imbandendo le proprie tavolate di fiori freschi, lanterne, centrotavola e condivisione, tutto rigorosamente bianco. Al termine della cena, hanno poi lasciato viale Oronzo Quaranta perfettamente pulito, come previsto dal regolamento. Si è voluto creare qualcosa in città che fosse “per la città”, che fosse dinamico nei modi (ecco perché il flash mob), moderno nella comunicazione (ecco perché i contest, i social media, il coinvolgimento della rete), tradizionale nel concept (la tavola, la famiglia, l’eleganza), che portasse in se la tradizione di una bellissima città, che avesse valori di sobrietà etica ma al contempo creasse grande suggestione. Una magia che attraesse i media, che facesse parlare di se, che non costasse nulla al partecipante, che portasse le persone a passare una bella serata tutti insieme, un’occasione per vivere davvero il territorio urbano, e ancora, attirare l’attenzione dei media e dei turisti: non tutti conoscono certi angoli meravigliosi della città e il web è un’amplificatore fortissimo delle immagini, tutte aspettative che sono state ampiamente soddisfatte dall’ottima riuscita dell’evento.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...