4 novembre
4 novembre

Onorare la festa del 4 novembre significa, innanzitutto, celebrare il coraggio e la dedizione del nostro Esercito, della Marina, dell’Aeronautica e dell’Arma dei Carabinieri, rendendo il doveroso tributo ai tanti che hanno pagato con la propria vita per costruire la democrazia e la libertà” – con queste parole il sindaco di Ostuni, Gianfranco Coppola, presenta la festa delle forze armate che si svolgerà nella giornata di domani (4 novembre) ad Ostuni.

La giornata avrà inizio alle 9:30, con il raduno al parco delle rimembranze, proseguirà con la Santa Messa presso la Chiesa di Santa Maria delle Grazie e avrà il suo culmine con l’inno nazionale e la deposizione di due corone di alloro sul monumento ai caduti e sul monumento ai caduti del mare.

Coppola2Nella sua nota, il Sindaco, non poteva che rivolgere il suo pensiero a tutte i militari in servizio e a riposo, che con onore e dedizione dedicano la loro vita al nostro paese, spesso difendendolo e rappresentandolo anche al di fuori dei suoi confini.

Non poteva mancare, inoltre, un pensiero a quelli che spesso definisce “i suoi ragazzi”, e cioè i due fucilieri di Marina (noti come Marò, ndr) Massimiliano La Torre (attualmente in convalescenza in patria dopo essere stato colto da un’ischemia) e Salvatore Girone che, ormai da troppo tempo, sono detenuti in India in attesa di un processo che sembra non dover iniziare mai.

Ritengo doveroso – conclude il Sindaco della Città Bianca, per anni valente ufficiale dell’Esercito Italiano – che tutti i cittadini oggi rivolgano il loro pensiero a coloro che hanno servito e servono in armi il nostro amato Paese, garantendo la nostra sicurezza interna e quella internazionale. Da parte mia, non posso nascondere una certa emozione ed un certo orgoglio nel rappresentare la Comunità ostunese in una ricorrenza che ho sempre sentito particolarmente, e che credo possa essere l’occasione dalla quale far ripartire un sentimento di appartenenza nazionale, che anche la Costituzione definisce come sacro dovere di ogni cittadino”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...