23.1 C
Ostuni
venerdì 25 maggio 2018
Home Blog

Tonino La Centra, un grande uomo che ha raccontato la sua passione per il calcio ostunese

Francesco Pecere ricorda Tonino La Centra: “Oggi tutti noi possiamo ricordare la storia del calcio ostunese grazie alla passione di un grande uomo”.

Tonino La Centra si appassionò al calcio grazie ad un ufficiale polacco, calciatore professionista, che lo salvò da morte sicura somministrandogli una penicillina (all’epoca non commercia-lizzata al sud Italia) e dopo averlo guarito gli regalò un pallone da calcio. Era il 1945, l’anno in cui per la prima volta la società di calcio della Città Bianca prese il nome di Ostuni Sport. In quei tempi il calcio era l’unica alternativa al lavoro di tutti i giorni e le tribune dello stadio comunale erano sempre insufficienti ad accogliere i tifosi i numerosi tifosi.

Erano gli anni in cui raccontare una gara di calcio era davvero un’impresa. La classica radiolina compagna fedele sulle tribune degli stadi era riservata al campionato di serie A e per conoscere i risultati dei campionati minori bisognava, spesso, attendere il lunedì mattina leggendo le pagine della Gazzetta.

Tra la fine degli anni settanta ed i primi anni ottanta un gruppo di amici animati dalla passione per il calcio decise di mettere su una vera e propria redazione sportiva.

Gianni Cellie piazzava la sua fidata telecamera e Tonino La Centra con il microfono raccontava la gara. Non ho vissuto direttamente quegli anni, ma ho avuto la fortuna di conoscere questa storia attraverso i racconti di Tonino La Centra e dell’amico Flavio Cellie figlio del compianto Gianni.

Tonino e Gianni hanno avuto la fortuna di seguire gli anni migliori del calcio ostunese. Gli anni della serie D con la promozione tra i professionisti sfiorata per un soffio.

Per raccogliere i risultati degli altri campi molto spesso bisognava chiamare la stazione dei Carabinieri del luogo che tramite ricetrasmittente raccoglieva il risultato parziale e finale della gara comunicandolo a chi dall’altro capo del telefono era pronto a diffonderlo ala tifoseria.

Ricordo, questo sì, il profumo della sansa mischiata alla breccia che costituiva il terreno di gioco del glorioso Comunale.

Ricordo le tribune in tubi innocenti che tremavano sotto il peso degli oltre duemila spettatori che ogni domenica vibravano per i colori gialloblù.

Queste le emozioni che Tonino ci ha raccontato e tanti i segreti che ci ha insegnato.  Tonino non era iscritto all’albo dei giornalisti, ma per l’esperienza maturata questo titolo se lo era meritato sul campo.  Qualche anno fa lo incontrai nella sala studio della Biblioteca Comunale. I dipendenti mi dissero che, ormai da mesi, Tonino era un ospite fisso.  Setacciava decine e decine di giornali de secolo scorso alla ricerca di notizie sull’Ostuni Sport.

Mi confermò che stava lavorando ad una raccolta di articoli che costituissero la storia del calcio ostunese dalla fondazione fino ai giorni nostri. Gli brillavano gli occhi… Quando diede alle stampe la pubblicazione me ne donò una copia che conservo gelosamente.  Ogni domenica era in campo per immortalare le azioni più importanti della gara. Un giorno gli chiesi a cosa gli sarebbero servite quelle foto. Sembrò quasi offeso dalla mia domanda e mi disse: “Serviranno per il prossimo libro”.

Hai ragione Tonino serviranno per raccontare ai nostri figli che fortunatamente c’è chi segue la propria passione e la mette avanti ad ogni altra cosa.  Oggi tutti noi possiamo ricordare la storia del calcio ostunese grazie alla passione di un grande uomo. Grazie caro Tonino per quello che ci hai insegnato e per l’eredità che ci hai lasciato… Ne faremo tesoro.

Francesco Pecere

Marco Rossato, il velista disabile è approdato a Villanova di Ostuni

Marco Rossato, 44 enne vicentino, velista da sempre, ha perso le gambe in un incidente in moto nel 2001 e da quel momento ha aumentato ancora di più la sua passione per il mare.

Sta facendo il giro d’Italia in solitaria, è partito da Venezia il 22 aprile. E’ arrivato nel pomeriggio di ieri, proseguirà per la Sicilia e ultimerà il viaggio in settembre a Genova dopo 63 tappe in altrettanti marina, unico compagno a bordo e “marinaio in seconda” il fedele cagnolino Muttley.

A Villanova di Ostuni, Marco ha trovato una banchina già attrezzata con una larghezza, un angolo d’inclinazione adatta ai disabili in carrozzella e un team che è già abituato ad arrivi del genere. Sono impegnati nel progetto “mare senza barriere” ed effettuano escursioni, lungo le coste salentine con Euphoria, la barca accessibile a tutti. Ad accogliere Marco Rossato anche la Lega Navale di Ostuni, rappresentanti del Comune, la Guardia Costiera delegazione di Villanova, i soci Lyons club Ostuni Host ed i soci Marinai d’Italia. Gli amici hanno riservato coccole speciali e croccantose per Muttley diventato ormai una star sui social.

L’obiettivo dell’impresa, umana oltre che sportiva, è far conoscere a tutti il suo progetto Tri Sail4All (dove Tri sta per trimarano ma anche per “tricolore”) promosso dall’Associazione sportiva dilettantistica “I Timonieri Sbandati” di cui Rossato è stato co-fondatore e promuovere l’idea che si possono raggiungere grandi mete anche se si ha una disabilità, che non ci sono limiti in mare se si è professionisti prudenti e attrezzati con i giusti ausili in barca (a terra invece ci vuole l’ente pubblico che si preoccupi di eliminare i limiti).

Soprattutto che non è giusto negare ai disabili la patente nautica o renderla un’impresa quasi impossibile da raggiungere come avviene oggi in Italia. Nel suo giro dello stivale Marco verificherà anche lo stato di accessibilità dei porti italiani verso i disabili e ne farà una mappa condivisibile via web e monitorerà le coste italiane invase dalla plastica.

Inaugurato il pronto soccorso presso l’Ospedale di Ostuni. Il Video Servizio

E’ stato inaugurato questa mattina il nuovo Pronto Soccorso presso l’Ospedale di Ostuni, assente il presidente della Regione Michele Emiliano.

È stata inaugurata nella tarda mattinata di oggi (giovedì 24 maggio) all’interno del nosocomio ostunese, la nuova area dedicata al Pronto Soccorso. Sarà operativo da domani infatti lo spazio destinato ad accogliere le emergenze, mentre nei prossimi giorni si provvederà al trasferimento del centro trasfusioni, temporaneamente collocato al primo piano, in attesa del completamento del Pronto Soccorso.

La cerimonia d’inaugurazione è stata presieduta immancabilmente dal Sindaco Gianfranco Coppola, accompagnato da quasi tutti i membri della sua giunta, dal Presidente della Provincia di Brindisi Domenico Tanzarella, dal Dirigente della ASL brindisina Giuseppe Pasqualone, dal Primario del Pronto Soccorso ostunese Lello Di Bari e dal Dirigente medico dell’azienda sanitaria locale Arturo Antonio Oliva. Assente invece il Governatore regionale e assessore alla sanità pubblica Michele Emiliano, di cui si prevedeva la partecipazione.

I Particolari nel Video Servizio

Il progetto, redatto dall’Area Tecnica aziendale, ha previsto la realizzazione di Camera calda per l’accesso delle ambulanze e dei mezzi che trasportano i pazienti in condizioni di emergenza/urgenza con portoni ad apertura rapida ad azionamento verticale; sala emergenza codici rossi emergenza/urgenza/chirurgia dotata di lampada scialitica ed impianto elettrico in assoluta continuità; sala di attesa per pazienti e visitatori con servizi igienici anche per disabili, dotata di schermo TV; sala accettazione codici bianchi/triage; n. 2 sale visite giallo/verde di cui una dotata di lampada scialitica per interventi chirurgici; stanze per il personale medico e infermieristico, locale Crioemoteca/deposito farmaci, servizi igienici per il personale e depositi per materiali vari; locale attesa barellati, stanza con n. 2 posti letto per Osservazione Breve Intensiva (OBI) dotata di schermo TV.

Oltre alla dotazione impiantistica minima necessaria per lo svolgimento delle attività sono stati previsti impianti tecnologici di ultima generazione con l’installazione di apparecchi d’illuminazione con LED ad alto risparmio energetico, impianto di climatizzazione estivo/invernale centralizzato di tipo VRF ad alta efficienza ed impianti di ventilazione con recuperatore di calore controllati da sonde che misurano la percentuale di CO2 (inquinante) presente negli ambienti trattati.

Particolare attenzione è stata rivolta alle decorazioni degli ambienti sia per quanto riguarda la scelta dei materiali utilizzati per il rivestimento dei pavimenti e delle pareti (PVC) al fine di garantire elevati standard di sanificazione e pulizia evitando angoli netti di difficile trattamento sia attraverso la scelta dei colori per rendere gradevole e confortevole l’utilizzo della struttura. Nei corridoi sono stati installati corrimano/battibarella per la protezione delle pareti ed il sostegno dei pazienti con difficoltà di movimento. L’accesso ai locali ed alle zone d’emergenza avviene attraverso porte automatiche scorrevoli orizzontalmente per velocizzare il trasporto e lo spostamento dei malati. Inoltre, è stata eseguita una riqualificazione esterna della parte dell’edificio oggetto dell’intervento con una nuova tinteggiatura delle pareti e l’installazione della cartellonistica di riferimento.

Oltre la realizzazione del Nuovo Pronto Soccorso, dal 2015 ad oggi sono stati eseguiti diversi interventi di ammodernamento e riqualificazione del Presidio Ospedaliero di Ostuni. E’ stato realizzato il nuovo reparto di Pneumologia al 2° piano dell’edificio con 11 posti letto; riqualificato il 3° piano dell’edificio con accreditamento regionale per ampliamento da 22 a 32 posti letto nella divisione di Medicina Interna; riqualificato l’atrio dell’ingresso principale del Presidio con installazione di porta scorrevole ed illuminazione LED; riqualificato l’impianto esterno d’illuminazione con tecnologia LED per tutto il Presidio; ammodernata la sala di attesa CUP con la realizzazione di nuovi sportelli; sostituiti tutti gli apparecchi illuminanti del blocco operatorio con apparecchi illuminanti con tecnologia LED; installati sistemi di protezione meccanica ed elettronica della Farmacia Ospedaliera.

Inoltre si è provveduto al rifacimento dell’intero Blocco Operatorio con pavimentazione in PVC e impermeabilizzazione del lastrico solare, interventi edili vari di conservazione e miglioramento funzionale per rampe, accessi e corridoi di vari servizi. Sono in fase di realizzazione nuovi ambienti per il potenziamento del Servizio di Screening senologico e l’apertura del nuovo Ambulatorio di Eco-endografia della divisione di Medicina Interna, con previsione di ultimazione delle opere entro il mese di giugno 2018. Inoltre, è stato dato impulso ai lavori dell’appalto per il completamento della Piastra per il quale sono state definite le nuove distribuzioni funzionali del primo e secondo piano per accogliere il reparto di Medicina Interna con 32 posti letto e Lungodegenza con 20 posti letto, come previsto dall’accordo di programma tra ASL BR e Dipartimento Regionale della Salute siglato per l’ottenimento dell’accreditamento provvisorio per l’ampliamento dei posti letto della Medicina Interna nella vecchia struttura.

Il Brigadiere Capo dei Carabinieri Francesco DE CAROLIS lascia il servizio attivo dopo 36 anni

Il 23 maggio 2018, il Brigadiere Capo Francesco De Carolis dopo 36 anni di servizio effettivo svolto nell’Arma dei Carabinieri lascia il servizio attivo.

Il militare, si è arruolato nell’Arma il 5 giugno 1982, ha frequentato dapprima il corso formativo presso la Scuola Allievi di Campobasso e successivamente presso la Scuola Allievi Brigadieri di Vicenza. Dal 1982 al 1986 ha svolto servizio presso la Stazione Carabinieri di Roma – San Sebastiano, dal 1986 al 1987 è stato destinato all’Aliquota Operativa della Compagnia Roma E.U.R.. Dal 1987 al 1993, ha prestato servizio presso in Nucleo Radiomobile di Bari, fino al trasferimento nell’Ottobre del 1993 presso la Stazione Carabinieri di Ostuni. Nel 2005, per 6 mesi, ha prestato servizio a Sarajevo (Bosnia–Erzegovina) nella Missione Eufor.

Militare in possesso di tre onorificenze, croce d’argento e croce d’oro con torre per anzianità di servizio e croce commemorativa per la missione militare di pace in Bosnia–Erzegovina svolta da Forze Armate nazionali in ambito risoluzione ONU 1088/96 per la pace.

Il Brigadiere Capo De Carolis nelle attività di servizio si è contraddistinto per la elevata professionalità ed umanità, dimostrando attaccamento all’Istituzione e contribuendo con il proprio operato alla vigilanza attiva a vantaggio delle popolazioni ove lo stesso è stato impiegato, anche in campo internazionale.

Amministrative 2019, da “Noi con l’Italia” arriva la richiesta delle primarie nel centrodestra

Giuseppe Francioso Direzione Italia
Giuseppe Francioso Direzione Italia

E’ il capogruppo di Noi con l’Italia Giuseppe Francioso a lanciare il primo messaggio alle altre forze politiche dell’attuale coalizione di governo.

«Servono le primarie per scegliere il prossimo candidato sindaco del centrodestra». Dopo il dibattito politico tra Articolo 1, area socialista e Pd, anche alcuni partiti che compongono l’attuale maggioranza provano ad individuare le prime mosse in vista delle amministrative in programma nella Città bianca nella primavera del 2019.

E’ il capogruppo di Noi con l’Italia Giuseppe Francioso a lanciare il primo messaggio alle altre forze politiche dell’attuale coalizione di governo. Le dichiarazioni del rappresentate fittiano sembrano, così, diventare la premessa anche per l’apertura di una nuova fase nel centrodestra ostunese, in cui andrà valutata la posizione dell’attuale primo cittadino Gianfranco Coppola, e se in particolare deciderà nuovamente di essere della partita tra un anno, ed eventualmente in quale ruolo.

«Viviamo in una stagione di fermento nella nostra città: diversi movimenti e persone vogliono occuparsi della cosa pubblica. Ritengo, così, che sia necessario per individuare il candidato sindaco per il 2019, convocare le primarie di coalizione, considerato il fatto- dichiara Francioso- che Coppola ha sempre riferito che avrebbe fatto un solo mandato. Da quello che ci risulta non credo che cambierà idea, e noi vogliamo organizzarci già subito».

Intanto, però, l’attuale maggioranza di governo non avrebbe fissato per i prossimi giorni alcun tavolo politico per affrontare la questione. «Auspico che si possa iniziare a parlare a breve, convocando un confronto aperto tra i partiti. Ribadiamo che noi siamo per le primarie, allargando anche a movimenti civici, non solo di destra, ma vicini all’area moderata». Ipotesi delle primarie, però, che non convince, il capogruppo di Ostuni Tricolore Giuseppe Corona: la lista civica, però, sottolinea che sosterrà questa possibilità dovesse l’intera coalizione propendere per questa scelta. «Riteniamo che la questione va affrontata nei prossimi giorni, anche perché vogliamo capire quali sono le intenzioni del sindaco Coppola, se confermerà quanto detto in precedenza di voler fare un solo mandato. In merito alle primarie, io non sono favorevole, perché ritengo che in questo modo si rischia di sollevare i partiti dalle proprie responsabilità. Il ruolo delle forze politiche deve essere proprio quello di mediare di trovare soluzioni e sintesi. Certo- spiega Corona- se tutta la coalizione deciderà per questo strumento, anche il mio movimento si adeguerà».

Intanto però, seppur in via ufficiosa, anche altri rappresentanti del centrodestra della Città bianca hanno avviato una serie di contatti per prepararsi alle prossime amministrative. Tra questi anche ex assessori delle diverse giunte Coppola. Giovanni Fedele starebbe costituendo un progetto civico, alternativo all’amministrazione uscendo, non avendo condiviso, ormai da quasi tre anni la linea politica messa in campo dai partiti di centrodestra. Così come sono giorni di valutazione anche per il movimento politico “Obiettivo Comune”, rappresentato in giunta dal vicesindaco Guglielmo Cavallo, e che vede all’interno del suo coordinamento tra gli altri l’ex assessore ai lavori pubblici Paolo Pinna. Non è escluso che le amministrative del 2019 possano vedere la partecipazione nelle liste del centrodestra, anche di alcuni assessori della giunta “tecnica”, in carica fino all’agosto del 2017.

“Ostuni, città che legge”, sottoscritto il Patto locale per la Lettura

È stato sottoscritto a Palazzo San Francesco nella mattinata di ieri, 22 maggio 2018, il Patto Locale per la Lettura, documento indispensabile al fine di poter usufruire al meglio dell’ambito titolo di “Città che Legge”.

Alla presenza del Sindaco Gianfranco Coppola, dell’Assessore Antonella Palmisano e della Direttrice della Biblioteca comunale Francesca Garziano, tutti i soggetti coinvolti si sono riuniti per siglare il documento che sancisce una collaborazione avviata in realtà già da qualche tempo. Lo scorso anno Ostuni ha ottenuto il riconoscimento dal Centro per il libro e la lettura, pertanto da quest’anno, grazie alla sottoscrizione del patto, il Comune potrà concorrere a pieno titolo ai bandi per il finanziamento di progetti destinati alla promozione della lettura, usufruendo della premialità riservata agli enti promotori del patto.

Chiamati a sottoscrivere sono scuole, librerie, associazioni e biblioteche che durante quest’anno sono stati impegnati in un percorso sinergico di promozione delle attività culturali. I firmatari, come si legge nel Patto, si impegnano, tutti indistintamente, “a supportare la rete territoriale per la promozione del libro e della lettura, in un’azione coordinata e collettiva orientata alla diffusione e valorizzazione della lettura come strumento di benessere individuale e sociale, raggiungendo il maggior numero di famiglie e coinvolgendo tutti i soggetti che a livello locale possono offrire il loro contributo per la crescita culturale, sociale e civile dei propri concittadini”.

La sottoscrizione costituisce per l’amministrazione una presa d’atto di quanto già da tempo intrapreso in termini di costituzione di una rete di professionalità a vario titolo coinvolte nella diffusione delle buone pratiche della lettura.

«Sono sempre più soddisfatto del fermento intellettuale che anima la Città bianca in generale e la Biblioteca comunale in particolare – dichiara il Sindaco Gianfranco Coppola – diventata negli ultimi tempi il luogo d’elezione per una nutrita serie di iniziative di grande rilievo culturale e sociale. Il merito è di chi lavora incessantemente affinché ciò avvenga, pertanto sento di dover porgere i miei sentiti ringraziamenti alla Direttrice Garziano, all’assessore Palmisano, al Dirigente Quartulli e naturalmente a tutti coloro che contribuiscono a diffondere l’amore per la lettura. La sottoscrizione di questo patto, al di là di ogni questione di ordine pratico, rappresenta simbolicamente l’affiatamento che regna tra le istituzioni e le associazioni, valore aggiunto di qualsiasi progetto che inizia a prendere forma».

Ciascun firmatario del Patto Locale per la Lettura infatti, ha collaborato fattivamente alla realizzazione delle iniziative culturali sviluppatesi attorno alla Biblioteca Comunale, oggetto di una rinnovata gestione tesa a trasformare la stessa in un autentico presidio culturale di partecipazione e coesione sociale.

«La sottoscrizione del Patto Locale per la Lettura – dichiara l’Assessore Antonella Palmisano – rappresenta un traguardo non solo per l’Amministrazione comunale, ma per tutti i professionisti che operano nella filiera del libro e che oggi entrano a far parte di una rete territoriale finalizzata a promuovere l’esperienza della lettura. Obiettivo comune è quello di raggiungere il maggior numero di famiglie attraverso la buona pratica della lettura, tesa a divenire un’abitudine sociale diffusa che operi a favore della crescita individuale e dell’arricchimento culturale del territorio».

Firmatari:
Biblioteca Diocesana “R. Ferrigno” di Ostuni
Circolo Didattico “Pessina-Vitale”
Circolo Didattico “Giovanni XXIII”
Libreria Bottega del Libro di Casanova Fuga Paola
Libreria Edicolè Mondadori di Cisaria Antonio
Istituto di Istruzione secondaria di secondo grado “Pepe-Calamo”
Istituto di Istruzione secondaria di secondo grado “Pantanelli-Monnet”
Istituto di Istruzione secondaria di primo grado “Barnaba-Bosco”
Lettori Volontari Nati per Leggere (n. 2)
Presidio del Libro

Premio ai Piccoli Lettori, consegna ai giovanissimi vincitori un simbolico riconoscimento

Nella più ampia cornice della “Prima edizione del premio al lettore”, celebratasi lo scorso venerdì 18 maggio, si inserisce la premiazione dedicata ai piccoli partecipanti del Gruppo “Liberi di Volare”, che si terrà presso il giardino della biblioteca comunale di Ostuni il 25 maggio alle ore 16.30.

La consegna dei premi avverrà al termine di una delle tante letture animate di Elena D’Alessandro, giovanissima volontaria del progetto Nati per Leggere, che durante tutto l’anno ha offerto ai più piccoli la possibilità di godere del piacere della lettura e dell’ascolto.

La premiazione è stata pensata come un momento ludico e di gratificazione che incoraggi i più piccoli a proseguire l’esperienza della lettura e che li stimoli a pensare alla biblioteca come a un luogo non solo di studio, ma anche di incontro e di socializzazione.

A concludere il pomeriggio di letture sarà la consegna di albi e libri per bambini generosamente donati da Ferdinando Sallustio

«La premiazione dei piccoli lettori – dichiara l’Assessore Antonella Palmisano – conclude il fitto calendario di iniziative che quest’anno la biblioteca ha dedicato alla campagna nazionale “Il Maggio dei Libri”, iniziative quasi tutte gravitanti attorno ai Gruppi di lettura “Libro libera tutti” istituiti quest’anno in biblioteca con lo scopo di promuovere concretamente la lettura fra i più giovani. Guardare i bimbi che ascoltano incantati le letture è stato per noi uno stimolo a migliorare. Ci abbiamo creduto fin dall’inizio che quest’iniziativa potesse portare ottimi risultati e l’assidua presenza dei piccoli in biblioteca, la loro capacità di scegliere autonomamente i libri dagli scaffali a misura di bambino, il loro desiderio di prenderli in prestito per poi leggerli a casa, stimolando in questo modo i familiari a condividere l’esperienza della lettura, confermano il successo dell’iniziativa rappresentando motivo di grande soddisfazione. È doveroso ringraziare Ferdinando Sallustio, partecipe come di consueto alle iniziative culturali del territorio, per il sostegno offerto alla premiazione dei piccoli lettori attraverso la donazione di un cospicuo numero di libri per bambini che saranno distribuiti a tutti i partecipanti a conclusione del pomeriggio di letture animate che avrà luogo il 25 maggio».

«Uno dei risultati più apprezzabili raggiunti quest’anno – dichiara la direttrice della biblioteca Francesca Garziano – è l’allargamento del bacino di utenti della biblioteca, allargamento che ha visto i piccolissimi lettori in cima alla lista dei frequentatori più assidui. L’impatto delle letture animate è misurabile in termini di nuovi iscritti e di registrazione dei prestiti, gli ultimi dati confermano il trend positivo e incoraggiano ad incrementare le attività dedicate ai più piccoli, realizzate grazie al prezioso contributo di Elena D’Alessandro a cui si deve il successo del Gruppo di Lettura “Liberi di volare”».

Articoli Popolari