Entrano nel vivo le presentazioni della rassegna letteraria “Un’emozione chiamata libro”, nel quarto appuntamento della rassegna, sarà ospite la moglie di Gino Strada, Simonetta Gola che presenterà “Una persona alla volta” edito da Feltrinelli. Dialogherà con la giornalista e responsabile della comunicazione di Emergency, l’assessore alla cultura del Comune di Brindisi, Emma Taveri. L’appuntamento si svolgerà giovedì 7 giugno 2022 alle ore 21.00 nel chiostro di Palazzo San Francesco ad Ostuni con ingresso libero. Parteciperanno alla serata i volontari del gruppo di Emergency Valle d’Itria.

Questo libro racconta l’emozione e il dolore, la fatica e l’amore di una grande avventura di vita che ha portato Gino Strada a conoscere i conflitti dalla parte delle vittime. In ognuna di queste pagine risuona una domanda radicale e profondamente politica, che chiede l’abolizione della guerra e il diritto universale alla salute. I proventi del libro spettanti all’autore verranno devoluti a EMERGENCY.

Una persona alla volta è il racconto in prima persona di un impegno durato tutta la vita, il cui obiettivo non è mai risuonato così urgente e la cui voce non è mai mancata così tanto come in questi giorni in cui un nuovo conflitto porta la distruzione alle porte dell’Europa: “Dopo anni passati tra i conflitti mi sono scoperto saturo di atrocità, del rumore degli spari e delle bombe. E lì, in Afghanistan, dove avevo vissuto per tanti anni operando feriti, non ce l’ho fatta più a sopportare l’idea di una nuova guerra. Così alla vigilia di un’altra ondata di sofferenza e di morte ho detto il mio “no”: basta con la guerra, basta uccidere mutilare infliggere atroci sofferenze ad altri esseri umani”, ha sottolineato Gino Strada.

Nel libro Gino Strada racconta la nascita 1994, di EMERGENCY, con il primo progetto in Ruanda durante il genocidio e l’arrivo in Afghanistan, dove ad Anabah, nella Valle del Panshir, viene realizzato un Centro chirurgico per vittime di guerra. E quindi il viaggio prosegue in Africa, dove EMERGENCY decide di costruire una rete di sanità di eccellenza aprendo a Khartoum, Sudan, il Centro “Salam” di cardiochirurgia. Perché “se la posta in gioco è la vita, allora deve esserci spazio per un’unica medicina, quella che permette davvero di dare concretezza a quel diritto. Non può esistere una medicina per cittadini di serie A e un’altra per cittadini di serie B, C, D”, riflette Strada. E la denuncia di come, anche in Italia, la salute si stia progressivamente trasformando dà diritto a bene di mercato.

“Togliere risorse al pubblico per darle al privato somiglia più a un sabotaggio che a un incremento delle possibilità di cura per il cittadino, eppure il modello è stato esportato con successo in tutta Italia come una conquista di libertà. Che poi la libertà sia quasi sempre solo uno specchietto per le allodole non sembra interessare a nessuno”, conclude Gino Strada amareggiato.

Una serata che abbiamo voluto fortemente – afferma Flavio Cellie direttore della rassegna – Gino Strada resta un punto di riferimento per tutti gli italiani ed ospitare Simonetta Gola ed il gruppo di Emergency, è un piacere. Il confronto come racconta Gino Strada, riguarda anche la sanità italiana”.

 Un’emozione chiamata libro entra nel vivo con le presentazioni del fine settimana, domani 8 luglio 2022, alle 17.00, all’interno di Palazzo Roma ci sarà l’incontro con il prof. Matteo Bassetti e successivamente alle 20.30, Pino Marchionna presenterà il suo nuovo libro. Alle 21.30 ospite Lorenzo Sani. Le presentazioni delle 20.30 e delle 21.30, si svolgeranno nel chiostro di Palazzo San Francesco.