Luna nel Pozzo. Teatri di Terra: Fuoco d’Inverno – LENOR

Nunzia Lenòr 1
Nunzia Lenòr 1
Volantino Spazio Conad Mesagne

Sabato 13 dicembre (ore 21,00) la Rassegna “Teatri di Terra: Fuoco d’Inverno” presenta “Lenòr con Nunzia Antonino, Regia Carlo Bruni

Non si vive di solo pane. Ci vogliono anche il vino, il teatro… e da più di dieci anni, ogni estate La Luna nelPozzo offre tutto questo al suo pubblico. Da quest’anno, anche d’inverno.

Nutrire allo stesso tempo la mente, la pancia, il cuore è il desiderio che fa nascere “Teatri di Terra: Fuocod’inverno”, una rassegna invernale per i grandi. Nella dimensione intima del teatro da camera presentiamocinque spettacoli di grande spessore.

Dopo lo spettacolo, una grande tavolata: un’ottima cena, un buon bicchiere di vino, le chiacchierate, le nuoveconoscenze, le risate.

“Sono nata il 13 gennaio 1752. Sotto il segno del Capricorno. Credo nell’influsso delle stelle sul destino delle persone. Sono state le stelle a suggerirmi: continua, va’ avanti. E io, sin da piccola, sono stata curiosa, testarda, perseverante: pronta a prendere tempo, per poi esplodere all’improvviso.

Da ragazza avevo due occhi di fuoco, ero sincera, fervid, non capivo il cinismo, volevo che le cose migliorassero, credevo che potessero migliorare, e non solo per pochi.

Ero disposta a rinunciare ai miei privilegi. Forse ero ingenua. Ho combattuto.”

Eleonora fu poetessa, scrittrice e una delle prime donne giornaliste in Europa. Una figura decisiva per la storia del nostro paese ed in particolare del sud. Protagonista nei moti partenopei del 1799 condusse un’esistenza esemplare, appassionata e faticosa, che ci parla ancora oggi, con grande forza, di libertà e giustizia, di amore e dignità.

La rassegna continua martedì 6 gennaio con uno spettacolo per i bambini e le avventure de “La PiccolaStrega”, il 7 febbraio con “Storie di Zhoran“, Storie di zingari e violini che offrono la ricchezza delle tradizioniRom, il 28 febbraio con “Ti ho visto“, dopo anni passati a guardare le stelle un uomo scopre di essere nonsolo osservatore ma osservato, e conclude il 21 marzo con “Amore e Psiche” Storia di un amore ostacolatodalla diversità dei due amanti: Amore è un Dio mentre Psiche è una mortale ma bella come una dea.

Info e prenotazioni:  tel. 0831 330353 – 335 8037241

Continua a leggere su OstuniNotizie.it