Librinfaccia presenta Rewind di Davide Simeone presso il Cicinedda Fruit Bistrot

locandinacici
locandinacici
Volantino Spazio Conad Mesagne

locandinaciciTerzo Appuntamento questa sera alle ore 20,30 della rassegna culturale “Librinfaccia”.Protagonista sarà Davide Simeone presenta “Rewind” (ed. Nuove proposte culturali di Elio Michele Greco). Il giovane autore, residente a Martina Franca, svolge la professione di avvocato e ha ricevuto diversi riconoscimenti per i suoi lavori letterari. Nel 2003 pubblica il suo primo romanzo dal titolo “Come dico io”, vincendo alla Quinta Biennale il premio tarantino “La Lama”, concorso letterario rivolto ai giovani autori. Nel 2005 pubblica “Quattro”, la storia di quattro amici e delle loro avventure, con il quale si aggiudicherà il premio “Ignazio Ciaia”. Nel 2007 si cimenta nel suo primo romanzo che tratta di in una storia d’amore in un futuro pre-apocalittico: “L’alba di domani” e adesso si sta facendo conoscere ancor di più con il suo ultimo lavoro “Rewind”, con il quale ha già ricevuto il Premio Asterisco nel 2013. Questo ultimo romanzo è perfettamente in linea con le vicende odierne: quattro città diverse e dei ragazzi prossimi ai trent’anni, alle prese con una società che non sempre ripaga i loro sforzi; quattro storie che, se apparentemente diverse, nascondono quegli aspetti comuni che si scoprono di volta in volta attraverso rimandi, allusioni, deja vù…, in una narrazione spigliata e coinvolgente, che cattura il lettore in un vortice di realtà e immaginazione, di detto e non-detto, di ricordo del passato e proiezione verso il futuro. Rewind, è un ritratto generazionale, uno spaccato sulla categoria dei quasi trentenni, un romanzo rivolto a chi vive in un sistema che li costringe a tornare indietro, cancellare il proprio percorso di vita, e a doverne fare un altro, nel tentativo di affermarsi, raggiungere un’indipendenza. Un tema attualissimo che sottolinea la difficoltà nel doversi mettere sempre in gioco, ripartendo sempre, attuando il rewind, per una ricerca affannosa di equilibrio. Cornice della presentazione del libro Rewind, una galleria d’arte a cielo aperto a firma di Valentina D’Andrea, scenografa e sognatrice salentina, che decorerà per tutto il mese di agosto il vico del Cicinedda Fruit Bistrot, viuzza ormai depositaria di arte, cultura e natura a base di frutta. VALENTINA D’ANDREA: Illustratrice, scenografa e designer. Nel 1999 crea Officina di Fantadesign, uno spazio che si occupa di arte, moda, design. Nel 2007 inventa una modalità per promuovere il suo lavoro, una boutique nomade che per poche ore si snoda in luoghi di massima aggregazione: spiagge, teatri, gate di aereoporti. Dal 2009 progetta i concept creativi degli eventi relativi a sm-artlab, un incubatore di creatività pugliese che diffonde passioni artigianali ed esperienze progettuali in italia ed all’estero. Collabora con diverse aziende, tra cui: Fiorucci, High-tech, Disegni spa, Prochownick, Fashion art design galerie di Monaco di Baviera, Mono Edition di Tokio, Susanna Jabzi di Beirut, And A design art-fashion di Tokio, Arsenes et le pipelettes di Parigi. La rassegna Librinfaccia ,dichiara Beppe Moro, ideatore della rassegna è nata per far vivere in Ostuni una cultura maggiormente fruibile, inclusiva e più social – street. Infatti, i nostri eventi , sono stati promossi sui social network e realizzati “in the street”, che da queste parti vuol dire “stare stretti”. La cultura convenzionale, i suoi luoghi (comuni), i doppio petto, gli inviti su carta e i posti riservati ci vanno stretti. Siamo abituati a calciare i super santos e a scambiarci i libri per strada. Ostuni ha risposto, come sempre, con convinzione dimostrando l’indole originale dei suoi abitanti: sempre pronti ad accettare nuove forme di socialita’. Librinfaccia e’ stato apprezzato soprattutto dagli ostunesi “temporanei”, che leggendo la stampa, a cui va il nostro piu’ sentito grazie per il lavoro profuso, hanno trovato facilmente i nostri eventi. Abbiamo registrato in media la presenza di 300 ospiti a serata. Il vero valore aggiunto? Continuare e perseverare. Coinvolgendo tutti, nessuno escluso. Nessuna ricetta segreta, nessuna forza superiore nel cacciare il cattivo tempo (fedele nostro compagno). Solo tanti sorrisi e molte “street” da occupare. Per questo forse risultiamo simpatici ai piu’. Continueremo si, e chissa’, un giorno il piu’ presto possibile riusciremo a far entrare la nostra citta’ in un ambito culturale ancora piu’ ampio. Internazionale. Mantenendo sempre fede alla filosofia d’origine: librinfaccia – culture condivise. ANGELA ANGLANI

Continua a leggere su OstuniNotizie.it