barra
barra

Beppe Barra ospite della stagione di Prosa ad Ostuni

Di Angela Anglani

E’ stato presentato ieri sera il quinto appuntamento della stagione di prosa allestita dal Comune di Ostuni in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese presso il Cinema Teatro Roma.Dopo Polignano a mare, Trani, Gioia del Colle, Cavallino e Foggia ha fatto ritorno nella città bianca questa sera Peppe Barra con “Sogno di una notte incantata” di Peppe Barra e Fabrizio Brancale liberamente tratto da “Lu cunto de li cunti” considerato il monumento della cultura del popolo napoletano di Giovambattista Basile per la scenografia di Luigi Ferrigno, le musiche di Patrizio Trampetti, i costumi di Annalisa Giacci e la regia di Fabrizio Brancale. Tra canzoni, villanelle e musica colta, all’insegna della napoletanità di ieri e di oggi. “Sogno di una Notte Incantata, si ispira alla seicentesca raccolta di fiabe di Basile, per accompagnarci in un universo magico abitato da orchi, fate, animali parlanti e principi, partendo dalla storia dei “I sette palombelli” , uno spettacolo musicale tra fate, streghe ed animali parlanti, un mondo fantastico dove i Principi azzurri soffrono di violenti attacchi intestinali, e gli inquietanti Orchi, che di solito terrorizzano i sonni dei bambini, qui si invaghiscono dei riccioli biondi di sette giovincelli dispettosi. Un mondo, insomma, in cui il fascino della letteratura barocca si fonde con la dirompente ironia e l’irriverente arte affabulatoria dell’artista napoletano. Tra illustrazioni, animazioni, canzoni, musica dal vivo e giochi d’ombre ammalianti, gli spettatori del Cinema Teatro Roma hanno abbandonato la realtà per entrare in una dimensione surreale e sognare ad occhi aperti.