Suburra
Suburra

In programmazione allo Slow Cinema di Ostuni, spettacoli ore 19.00 e 21.15

Di Angela Anglani

Arriva nelle sale italiane oggi 14 ottobre “Suburra”, il film di Stefano Sollima già alla regia di capolavori come Gomorra, ACAB e Romanzo Criminale che racconta la Roma della speculazione edilizia capace di trasformare il litorale romano in una Las Vegas. Protagonisti sono Pier Francesco Favino, nei panni di un politico corrotto,Claudio Amendola (un criminale ultimo esponente della banda della Magliana) ed Elio Germano (un PR senza scrupoli). Nell’antica Roma, la Suburra era il quartiere dove il potere e la criminalità segretamente si incontravano. Dopo oltre duemila anni, quel luogo esiste ancora. Perché oggi, forse più di allora, Roma è la città del potere: quello dei grandi palazzi della politica, delle stanze affrescate e cariche di spiritualità del Vaticano e quello, infine, della strada, dove la criminalità continua, da sempre, a cercare la via più diretta per imporre a tutti la propria legge. E’ un film su Roma e il potere. Roma vive di tre poteri – politico, religioso, criminale – che coinvolgono e stritolano persone innocenti con risultati stupefacenti. Lo sfondo è la città, in poche scene si passa dal Vaticano ai palazzi del Potere: Montecitorio, Palazzo Chigi, tutta la zona del litorale, via Tuscolana, il centro storico. “Suburra” è film di genere, è cronaca vera, tratta da verbali giudiziari, quindi dall’omonimo romanzo di Giancarlo De Cataldo e Carlo Bonini (Einaudi)un crime story che si svolge in un arco temporale brevissimo. Sette giorni in cui ogni personaggio coinvolto proverà ad anticipare le mosse dell’altro scatenando una guerra senza quartiere che finirà per coinvolgere colpevoli e innocenti, criminali, cittadini perbene, politici e cardinali. Netflix americana trasmetterà il film in contemporanea con l’uscita italiana. A maggio, replica su Netflix tricolore. E, poi, si continua con una serie televisiva in preparazione nel 2016: prima su Netflix e poi sui canali Rai, ottima svolta innovativa della Tv di Stato.