locandina_DepsaUltimi giorni per iscriversi al workshop di Scrittura creativa per la musica leggera organizzato per i prossimi sabato 31 maggio e domenica 1 giugno dalla Casa della Musica di Ostuni.

Docente d’eccezione, Salvatore De Pasquale, in arte Depsa, tra gli autori più importanti e prolifici del panorama televisivo e musicale italiano, vincitore di ben nove Telegatti, ideatore di alcuni dei programmi che hanno contribuito a scrivere la storia della televisione italiana e firma di intramontabili brani di successo della musica leggera, divenuti hit mondiali.

Straordinaria la carriera di Depsa come autore. Festival di Sanremo, C’è posta per te, Stranamore, Scherzi a parte, La Corrida, sono solo alcune delle più importanti trasmissioni televisive legate al suo nome. Altrettanto straordinaria anche la carriera come autore di testi per canzoni. Nel 1976 vince Sanremo con il brano “Non lo faccio più”, scritto per Peppino Di Capri, interprete per il quale firmerà altri cavalli di battaglia come “Champagne” e  “Sognatore”. Porta la firma di Depsa, tra le altre, anche “Gli amori”, proposta da Toto Cutugno nel 1990 al Festival di Sanremo e poi interpretata, nella versione inglese “Good love gone bad” dal grande Ray Charles. Canzoni entrate di diritto nella storia della musica italiana.

Una presenza di assoluto rilievo, dunque, per la Casa della Musica di Ostuni e una preziosa opportunità formativa per i giovani che vogliono avviare un percorso di studi altamente professionale.

Info: 0831.342422 – email: casadellamusicaostuni@gmail.com

Scheda tecnica del corso

 Comporre una canzone presuppone, oltre a una base di creatività, una tecnica che da soli è difficile riuscire ad imparare. Sia nella stesura musicale che nei testi, la professionalità permette di eliminare lacune, errori ed  ingenuità tipiche di chi compone da solo.

 Nel workshop sarà data un’importanza particolare alla composizione dei  versi delle canzoni, in quanto  ormai, a tutti gli effetti, le canzoni sono forme di poesia popolare. Il workshop con Depsa proporrà preziosi nozioni sulla tecnica necessaria per riuscire a trasformare la creatività in prodotto musicale.

 In particolare verranno trattati i seguenti argomenti:

  • Studio della storia delle canzoni italiane, e delle loro  trasformazioni  nei vari periodi
  • La struttura di una canzone. Studio e analisi sia della parte musicale che del testo
  • I trucchi e le regole per un testo che rimanga in mente
  • I problemi della lingua italiana
  • Le canzoni in dialetto
  • La poesia nella canzone, forma moderna di poesia popolare

Esercizi:

  • Come fare una versione italiana di un brano straniero
  • Come scrivere un testo che sia facilmente musicabile
  • Come fare una musica che sia facilmente lavorabile col test
  • Prove pratiche, partendo dalla musica e dal titolo

Info: 0831.342422

mail: casadellamusicaostuni@gmail.com

Salvatore De Pasquale, in arte Depsa

“Enfant prodige”, a sette anni già compone la sua prima canzone. A diciassette anni l’incontro con Peppino di Capri, che diviene il pigmalione di Salvatore. Con lui Di Capri inciderà oltre cinquanta canzoni, alcune delle quali di grande successo internazionale. È però lo stesso Peppino Di capri a obbligarlo a sostituire il suo nome, Salvatore De Pasquale, che considera troppo “napoletano” con uno pseudonimo, e così nasce Depsa. La collaborazione con Di Capri porta subito a una serie di successi discografici, tra cui” Non è possibile”, “Sarebbe bello”, “Champagne”, “Il sognatore”, “Un amore fa”, “Domani”, oltre a una finale del disco per l’estate con “Una catena d’oro”, due finali di Canzonissima e la vittoria al Festival di Sanremo nel 1976 con “Non lo faccio più”. Trasferitosi a Milano, Depsa svolge per sette anni il lavoro di discografico, sempre però continuando a scrivere canzoni, oltre a testi di cabaret. Nel 1985 accetta di fare il suo primo programma come autore televisivo “Grand Hotel”, lasciando definitivamente il suo posto di dirigente discografico e tornando a firmarsi col suo vero nome. Da allora in poi una carriera in crescendo e densa di straordinari successi. Prosegue l’attività di ideatore e autore di programmi televisivi senza smettere di scrivere canzoni. Solo al Festival di Sanremo ne portano la sua firma ben 22, con un primo posto (1976), tre secondi posti: 1981 con “Ti voglio bene” (Enzo Malepasso), 1990 con “Gli amori” (Toto Cotugno) versione inglese “Good love gone bad” (Ray Charles), 1997 con Storie (Anna Oxa) e un terzo posto nel 2005 nella sezione “Campioni uomini” con “La panchina” (Peppino Di Capri).

Leggi anche  All'auditorium della Casa della Musica il duo Shytsko-Moseychuk

Le tappe più importanti della carriera di Depsa

16 aprile 1972: debutta come autore al Disco per l’Estate (“Una catena d’oro”)

26 dicembre 1973: la canzone “Champagne” va in finale a Canzonissima 73’-74’

Febbraio 1976: debutta al festival di Sanremo e lo vince (“Non lo faccio più”, cantata da Peppino Di Capri)

Maggio 1978: si trasferisce a Milano e diventa produttore artistico della Durium fino al 1984.

1980: arriva secondo al Festival di Sanremo con “Ti voglio bene“ (Enzo Malepasso)

1981: inizia a comporre musiche e canzoni originali per il teatro con Leopoldo Mastelloni.

1983: chiamato a competere tra 2000 canzoni presentate e provenienti da tutto il mondo, arriva nei dieci finalisti all’International Festival of Tokio con la canzone “Musica e parole“ (Tiziana Rivale)

1985: fa il suo esordio come autore tv a Canale 5, con la trasmissione “Grand Hotel”. Da allora in poi lavora parallelamente come autore televisivo, firmandosi Salvatore De Pasquale, e come autore di canzoni, firmandosi con il nome d’arte, Depsa.

 1988: debutta come commediografo al teatro Sancarluccio di Napoli (“Il destino suona sempre due volte“)

1990 febbraio: arriva secondo al Festival di Sanremo con “Gli amori“, interpretata da Toto Cutugno (in inglese “Good love gone bad”, cantata da Ray Charles)

1990 maggio: diventa autore del “Festival internazionale della TV”, ossia “La notte dei Telegatti”, condotto da Corrado e Milly Carlucci, ospite d’onore Gregory Peck. Ne resta l’autore per altre 15 edizioni

1990 novembre: Partecipa per la prima volta allo Zecchino d’oro e lo vince (“Nonno Superman“). Ne farà altri nove, fino al 2007.

1992: vince il suo primo Telegatto con la trasmissione “Scherzi a parte”, nato da una sua idea. Ne vincerà altri otto.

1994: nasce “Stranamore”, di cui resta autore per quattro edizioni.

Ottobre 1994: pubblica il suo primo libro, di genere umoristico, “Sesso chi legge“ edizioni Sonzogno

Febbraio 1997: arriva secondo al Festival di Sanremo con la canzone “ Storie”, cantata da Anna Oxa

1997: nasce “Matricole“, con Simona Ventura e Amadeus.

1997: è autore dell’ultima edizione della Corrida, condotta da Corrado.

1998: si trasferisce a Roma per lavorare con Maurizio Costanzo (“Buona domenica”, etc.)

1999-2000: nasce “C’e’ posta per te”, a cui collabora sin dalla ideazione

Settembre 2000: comincia la sua collaborazione con la RAI

2002: oltre che autore, viene nominato commissario artistico del 52º Festival di Sanremo.

Febbraio 2005: arriva terzo a Sanremo nella “Sezione uomini“ con la canzone “La panchina” (Peppino di Capri)

2006: inizia la sua collaborazione con La Corrida, condotta stavolta da Gerry Scotti. Firma complessivamente 4 edizioni, fino al 2009.

11 dicembre 2009: Nasce Depsa cantautore, ossia interprete di sé stesso. Viene infatti pubblicato un cofanetto comprendente un libro ed un cd, dal titolo “Canzoni da leggere e poesie da cantare“