Nei giorni scorsi presso palazzo San Francesco ad Ostuni si è tenuta una riunione tra i Comuni facenti parte del Sistema Turistico Valle D’Itria insieme ai Comuni di Monopoli e Polignano a Mare, congiuntamente all’Assistenza Tecnica della Regione Puglia.

Scopo dell’incontro era quello di definire l’aggregazione di Comuni che dovrà partecipare al Bando Mibact (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) sugli  INTERVENTI PER LA VALORIZZAZIONE DELLE AREE DI ATTRAZIONE CULTURALE” Linea di Azione 2 “Progettazione per la cultura”.

A conclusione dei lavori, i comuni presenti, Alberobello, Fasano, San Michele Salentino, Carovigno, Putignano, Noci, Castellana, Ceglie Messapica, Ostuni,Villa Castelli, Monopoli, hanno designato quale capofila dell’aggregazione il Comune di Ostuni cui saranno delegati tutte le funzioni operative finalizzate alla partecipazione ad un bando che si rivela di fondamentale importanza per la crescita culturale e turistica del territorio.

Tutti i soggetti non hanno d’altro canto escluso, la possibilità di aprire l’aggregazione ad altri comuni limitrofi inclusi dalla proposta Regionale che vi avessero voluto partecipare quali Monopoli,Conversano e Polignano a Mare.

Di questi solo il Comune di Monopoli ha manifestato la volontà di aderire alla costituenda aggregazione finalizzata alla partecipazione al Bando Mibact.

In riferimento alla partecipazione al predetto Bando, la Regione Puglia ha inteso individuare delle proposte di aggregazioni  formulate riproducendo sostanzialmente le aree del Piano del Paesaggio, allo scopo di rendere la partecipazione al Bando coerente con gli strumenti di programmazione regionale.

Nel corso della riunione, i  Comuni di Alberobello e di Ostuni, entrambi,  capofila del Stl Valle d’Itria , pur prendendo atto della proposta dell’Assessorato regionale, hanno espresso la posizione unanime di partecipare al Bando nell’aggregazione risultante dal Stl continuando un’esperienza avviata diversi anni fa e valorizzando un lavoro che tutti i Comuni del sistema hanno portato avanti giungendo nel maggio 2014 alla firma di un protocollo d’intesa.

In particolare, l’Assessore al Turismo del Comune di Ostuni, Niki Maffei, sostenuto dai sindaci di Ostuni e Alberobello, ha comunicato a nome dei Comuni ricompresi nell’Stl la ferma volontà di includere nell’aggregazione i Comuni di San Vito dei Normanni, Villa Castelli e San Michele Salentino che, nell’ipotesi della Regione sarebbero rimasti fuori e ricomprese in altra aggregazione.

Il Bando è finalizzato a favorire l’innalzamento della qualità progettuale volta a migliorare le condizioni di offerta e fruizione del patrimonio culturale in raccordo con le fasi di attuazione della programmazione 2014-2020 L’obiettivo principale dell’iniziativa è pertanto quello di elevare la qualità della progettazione a livello delle amministrazioni pubbliche locali in campo culturale per ambiti territoriali/locali, rafforzando la capacità di promuovere processi di integrazione tra risorse territoriali, settori di policy, attori pubblici e privati coinvolti negli strumenti gestionali e più in generale nei processi di governance partecipata delle azioni di valorizzazione culturale, e favorire cosi la gestione integrata e sostenibile del patrimonio culturale a diversa titolarità pubblica, anche attraverso forme di partenariati pubblico-privati.

In particolare l’iniziativa mira a sostenere lo sviluppo di proposte progettuali presentate dai Comuni, finanziando nello specifico attività di elaborazione della progettualità, tale da pervenire alla predisposizione di “progetti integrati di scala territoriale/locale”. Viene sostenuta l’elaborazione di progetti integrati di scala territoriale/locale comprendenti interventi di conservazione, fruizione e valorizzazione, anche a fini turistici, di poli di rilevanza strategica del patrimonio culturale del territorio delle Regioni meno sviluppate ai sensi del Regolamento (CE) n. 1303 del 17 dicembre 2013: Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia.

POTRESTI ESSERTI PERSO: