ostuni_panoramica
Pubblicità
Farmacia Matarrese estate 2020 Ostuni
Pubblicità

Twenty: is that all? There are 20 paintings that would take me back; 20 restaurants, 20 views, 20 hill towns; 20 of much else besides”  (Venti: tutto qui? Ci sono 20 dipinti che mi farebbero tornare; 20 ristoranti, 20 panorami, 20 città collinari; 20 di molto altro ancora). Secondo Jepson “nessun altro paese ha le ricchezze italiane, la sua impareggiabile combinazione di arte, cultura, cibo, vino, moda, opera, persone e paesaggio”.

In un articolo di pochi giorni fa pubblicato sul The Telegraph, il giornalista Tim Jepson elenca 20 validi motivi per tornare a visitare l’Italia, non appena sarà possibile. Jepson è un giornalista esperto di destinazioni turistiche che da anni scrive sulle prestigiose pagine del Telegraph, uno dei quotidiani più amati dagli inglesi, e trova che soltanto 20 ragioni siano davvero troppo poche.

L’elenco di Tim Jepson sul The Telegraph è un autentico tributo di amore e passione a tutto questo, senza fermarsi soltanto alla superficie delle cose più note.

Promozione Spazio Conad Mesagne
Orari Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne
Orari Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne
Orari Conad Mesagne
  • La gente
    Al primo posto Jepson mette la gente, gli italiani. Perché – dice – non si può amare un Paese senza amare la sua gente.  Anche se in ogni regione ognuno ha le proprie caratteristiche, tutti hanno una cosa in comune: l’amore per le cose belle della vita. Ed è ovvio, visto che vivono in un Paese dove il bello abbonda.
  • I giardini
    Al secondo posto ci sono gli splendidi giardini italiani, presenti su tutto il territorio: dalle ville venete ai laghi del nord ovest, dalle colline toscane fino alla Sicilia che profuma di limone e gelsomino. E cita specificamente il Giardino di Ninfa,  a sud di Roma, i Giardini Hambury in Liguria, Villa Carlotta sul lago di Como, la Mortella ad Ischia e gli strani e meravigliosi Giardini dei Tarocchi  nel nord del Lazio.
  • 3 I piccoli borghi
    In terza posizione i piccoli borghi, meno noti rispetto alle grandi città d’arte come Roma, Firenze o Venezia. Toscana e Umbria sono tra le regioni che ne hanno in abbondanza, ma l’autore segnala anche Sulmona in Abruzzo, Erice e Noto in Sicilia, Matera in Basilicata, Tropea in Calabria,  Ostuni in Puglia, Ascoli Piceno nelle Marche, Ravenna in Emilia-Romagna e Camogli in Liguria.
  • Escursioni all’aria aperta
    L’Italia è nota per i suoi palazzi, chiese e musei ma anche di splendidi luoghi all’aperto, come le mete sciistiche di prima categoria in Alta BadiaCourmayeur e Cervinia. Ma si può anche andare in canoa, vela, kayak e fare immersioni nei laghi oppure al largo della Sicilia, della Sardegna, delle Cinque Terre e della Costiera Amalfitana. Oppure fare piacevoli escursioni e gite in bicicletta tra Toscana e Umbria. O ancora, dedicarsi a trekking con circuiti di più giorni, su percorsi a lunga distanza, nelle Alpi e anche oltre. E per i più avventurosi cita anche la pratica del parapendio in Umbria , del rafting in Calabria o delle attività di monitoraggio dei lupi in Abruzzo.
  • La lingua
    Detto in italiano, tutto suona meglio: è la lingua dell’amore e della musica. E’ una lingua che emoziona, quindi – suggerisce Jepston – anche se capisci a malapena qualche parola, il chiacchiericcio di sottofondo dell’italiano, ovunque tu ti possa trovare, ti ricorda sempre che sei in un paese delizioso. E ricordando che gli italiani spesso non hanno una grande preparazione nelle lingue straniere, apprezza il loro modo affettuoso di cercare comunque di farsi capire.
  • I laghi
    Da sempre descritti da artisti e poeti, non a caso rappresentano alcuni dei paesaggi più deliziosi d’Europa. Tra i più pittoreschi cita i laghi MaggioreGarda e Como, ma anche quelli meno noti e più tranquilli come i laghi d’Iseo e d’Orta.
  • L’ opera
    Le radici dell’opera sono italiane, così come la maggior parte dei compositori, da Verdi a Rossini, Puccini, Monteverdi, Bellini, Donizetti. In Italia si trovano anche due dei teatri più famosi al mondo: la Scala di Milano e la Fenice a Venezia, ma Jepson ricorda che ce ne sono di bellissimi anche a Bologna, Palermo, Treviso, Prato and Ferrara. E le stagioni teatrali in Italia proliferano.
  • La cucina
    L’Italia offre una cucina di primo livello che è soprattutto salutare, scrive il giornalista. Del resto, che la nostra cucina mediterranea faccia bene è ormai risaputo.
  • Vini e cocktail
    Il bere nel nostro Paese non significa soltanto avere un buon vino, ma anche che gli italiani sanno essere ottimi barman con cocktail come il Negroni e il Bellini e di avere una produzione di ammazzacaffè ottima, con limoncello, grappa e molti altri.
  • Il caffè
    In Italia quello del caffè è un vero culto. Se oggi in tutto il mondo si beve l’espresso, il cappuccino o il latte macchiato – spiega il giornalista – lo si deve all’Italia, dove il caffè è sempre buonissimo.

La  lista dei 20 motivi per cui i turisti torneranno nel nostro Paese prosegue con le Dolomiti (11° posto),  la moda (12° posto), l’architettura (13°), Venezia, che merita una voce a sé, al 14° posto, in quanto “il mondo sarebbe un luogo più povero senza di lei”, le isole (15) e le coste italiane (16), il numero incredibile di gallerie d’arte (17), di luoghi artistici (18) e di  antichità (19). All’ ultimo posto Jepston mette la Toscana (20), soprannominata Chiantishire proprio dai britannici. Ma l’Italia offre molto altro e l’articolo lo spiega senza ombra di dubbio.

POTRESTI ESSERTI PERSO...