alberto angela e donato coppola
alberto angela e donato coppola
Pubblicità
Pubblicità
Volantino Spazio Conad Mesagne

Sabato 10 ottobre va in onda la puntata con le registrazioni nel Museo di Civiltà Preclassiche di Ostuni e nel Parco Archeologico di Santa Maria d’Agnano.

Va in onda sabato 10 ottobre 2015 la puntata di “Ulisse, il piacere della scoperta”, il programma  televisivo di Rai3  condotto da Alberto Angela, con le riprese effettuate lo scorso 12 settembre (regia di Gabriele Cipollitti) nel Museo di Civiltà Preclassiche della Murgia Meridionale e nel Parco Archeologico di Santa Maria d’Agnano.

 Al centro delle riprese e dei commenti di Alberto Angela, il reperto “Ostuni 1“, simbolicamente ribattezzata come “La madre più antica del mondo”, rinvenuta con i  resti del suo feto in grembo.

La gestante del Paleolitico superiore più antica del mondo, riferibile ad una donna di circa 20 anni e databile a 28.000 anni fa e i resti del suo feto, dopo le operazioni di scavo e restauro, realizzatati dal prof. Donato Coppola, sono esposti nella sala paleolitica del Museo di “Civiltà preclassiche della Murgia meridionale” di Ostuni (Centro Storico, Via Cattedrale, Chiesa di San Vito Martire – “Monacelle”).

 

I resti dell’eccezionale rinvenimento  effettuato dall’equipe dello stesso  Prof. Donato Coppola nel 1991 nella grotta-santuario di Santa Maria di Agnano, sulle colline di Ostuni,  sono collocati in una speciale teca attrezzata al fine di riunire simbolicamente  la madre ed il nascituro.