Il “Presidio del libro” di Ostuni, diretto dalla prof.ssa Paola Cirasino , presenta domani 16 settembre alle ore 19 presso il Frida Art Cafè il libro “L’innocenza di Tommasina” di Caterina Emili. Dialogherà con l’autrice Luciano Anelli, Operatore delle Pari Opportunità.Caterina Emili,umbra ma pugliese di adozione, alla sua seconda fulminante prova narrativa, disegna un noir cupo e violento dal linguaggio crudo, impastato con l’affilato dialetto messapico, che sa parlare alla parte più buia di ognuno di noi, animato dai personaggi grotteschi di una provincia italiana, tra Puglia ,Umbria e Piemonte, sempre in bilico tra volgarità ed eleganza. Una storia molto breve, narrata con un linguaggio di tutti i giorni, pregno di espressioni dialettali, proprie di Ceglie Messapica, uno stile essenziale, asciutto, reso dinamico dall’abbondanza di dialoghi, da descrizioni minime di luoghi, personaggi e situazioni; lo scenario è senz’altro crudo, mettendo a nudo la parte oscura di individui la cui vita è barricata all’interno di un paesino del Sud, in cui è facile farsi i fatti degli altri e un po’ meno i propri, ricamarci su aggiungendo particolari piccanti, in cui spicca un che di rozzo e gretto, non solo e non tanto nei modi e nel linguaggio ma soprattutto nell’animo. Un ritratto vivido e realista di una realtà meridionale fatta di cose,persone,situazioni belle e brutte, raccontate senza peli sulla lingua, in cui campeggiano personaggi curiosi e pittoreschi tra i quali spicca un’anima candida e lontana da bassezze umane, quale è Tommasina, che non è fisicamente presente eppure domina in tutto il racconto. Caterina Emili, giornalista, inviata speciale di quotidiani nazionali negli anni di piombo, vive per metà dell’anno in Puglia, in valle d’Itria.

Angela Anglani

POTRESTI ESSERTI PERSO: