Truffa dello Specchietto
Volantino Spazio Conad Mesagne

Tornano le truffe dello specchietto retrovisore. Due automobiliste ci cascano a Brindisi e Ostuni

Ennesima «truffa dello specchietto». anzi due. Una ieri pomeriggio in città al rione Commenda; l’altra venerdì pomeriggio ad Ostuni. Azione speculare in tutto e per tutto: cambia solo l’età delle persone coinvolte, entrambe donne. La prima di 68 anni, la ostunese di oltre 70 entrambe alla guida di utilitarie. La signora di Brindisi, tuttavia, non ha «abboccato» ed ha lasciato un giovane ben messo a bestemmiare in mezzo alla via, mentre l’altra, ad Ostuni.

Di questa ci racconta tutto il suo cugino avvocato, che a danno fatto poco ha potuto fare, se non segnalare il caso, onde evitare che altra gente resti coinvolta. «Venerdì pomeriggio – racconta – una mia cugina di oltre 70anni guidava la sua auto di piccola cilindrata percorrendo la discesa della strada della Panoramica di Ostuni. In fondo alla via notava due auto ivi ferme, che lì non potevano stare, ed al momento del suo passaggio in loco sente un botto».

«Lei – prosegue – ha continuato il suo iter non avendo urtato nessuno girando a destra per il centro paese, ma si è fermata nella strada, deserta a quell’ora, che porta al convento dei monaci, in quanto doveva fare una compera in zona. Nel frattempo – racconta ancora l’avvocato – l’ha inseguiva un’auto bianca, dalla quale, appena ferma, è uscito un uomo tatuato e con un volto adirato che le ha detto: “Non hai sentito il botto? Mi hai rotto lo specchietto esterno del guidatore”. E voleva essere pagato chiedendole il suo bancomat. Mia cugina – riprende – impaurita dalla persona, ci è cascata nella truffa. Gli ha dato 40 euro che aveva con sè al momento e l’uomo si è “accontentato” alla fine della cosa». E la truffa è stata messa a segno.

Continua a leggere su OstuniNotizie.it