DSC 0372
DSC 0372
Pubblicità
Pubblicità

Continua incessantemente l’attività del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Ostuni

Fine settimana di controlli per il personale del Commissariato di P.S. di Ostuni diretto dal Commissario Capo Albano Gianni. Particolarmente intensa e proficua è stata l attività del settore Volanti con interventi mirati a garantire la sicurezza cittadina, evitando situazioni di disturbo all’ altrui tranquillità.

Proprio in quest’ ottica un equipaggio di Volante, durante il classico servizio di controllo del territorio, interveniva nella centralissima via Pola ove un soggetto, fortemente in balìa dei fumi dell’ alcool, arrecava disturbo agli avventori di un bar. Prontamente raggiunto l individuo, questi, richiesto di sottoporsi ad identificazione di Polizia, fermamente si rifiutava mostrando riluttanza al controllo. Gli operatori pertanto, onde evitare ulteriori situazioni negative lungo la pubblica via, conducevano il fermato in Commissariato al fine di poterlo correttamente identificare, dato che lo stesso era privo di documenti a seguito e che si era rifiutato di indicare le proprie generalità. Una volta in ufficio, l uomo veniva fotosegnalato, fatto visitare da una medicalizzata del 118 che ne accertava il cronico stato di intossicazione da alcool e successivamente denunciato alla Procura della Repubblica di Brindisi per rifiuto di fornire indicazioni sulla propria identità personale e ubriachezza molesta.

Sempre la squadra Volante del Commissariato effettuava un altro intervento procedendo all’ identificazione di una donna di etnia rom individuata nei pressi di un esercizio commerciale. Condotta in ufficio e sottoposta anch’ella a fotosegnalamento di Polizia, accertata la sua effettiva identità, si appurava che a suo carico pendeva un provvedimento di obbligo di dimora nel Comune di Brindisi, tuttora in corso al momento del suo fermo e controllo nella città bianca.

L’ evidente violazione ha fatto scattare per la donna la consequenziale segnalazione alla Procura della Repubblica di Brindisi per essersi allontanata dal Comune di Brindisi senza apposita autorizzazione da parte del giudice.

Ancora, nel corso dei controlli della squadra amministrativa in materia di armi, si accertava che un uomo aveva acquistato una canna di fucile omettendo di denunciare l acquisto entro le 72 ore come previsto dalla legge. La canna di fucile conseguentemente è stata sottoposta a sequestro penale e l uomo denunciato all’ autorità giudiziaria per violazione dell’ articolo 697 del codice penale che prevede la detenzione abusiva di armi.

Complessivamente nel corso dei servizi anche nei punti di ricorrente ritrovo di persone gravate da pregiudizi di Polizia, sono stati identificati 45 soggetti, controllati 18 veicoli e 50 persone sottoposte a misure alternative alla detenzione carceraria.

Eseguite anche alcune perquisizioni per droga da parte del personale dell’ Anticrimine e nel corso delle stesse un soggetto di Ceglie Messapica, trovato in possesso di 2 grammi di marijuana, è stato segnalato al Prefetto di Brindisi ai sensi dell’ articolo 75 del D.P.R. 309/1990.

I servizi di controllo del territorio proseguiranno nei prossimi giorni a presidio della legalità e sicurezza generale.