Liceo Pepe Esterno 1
Liceo Pepe Esterno 1
Pubblicità
Pubblicità

Liceo Scientifico Lavori Sopralluogo  (2)Le lezioni ripartiranno questa mattina. Si fermano qui le certezze intorno al liceo scientifico “Ludovico Pepe” di Ostuni. E’ stata una lunga ed intensa giornata ieri per l’istituto della città bianca. Le decisioni prese puntano a ridare continuità all’attività didattica: restano, però, le enormi criticità del cantiere ed un futuro tutto da interpretare per il liceo ostunese. Al momento ritorna agibile solo il piano terra della scuola. E così si cercherà di sfruttare al massimo lo spazio disponibile, ovvero le 12 aule, che dopo il sopralluogo di ieri sono state ritenute agibili per lo svolgimento delle lezioni. Da questa mattina gli alunni delle quinte classi torneranno normalmente a seguire l’attività didattica. Il biennio ed il triennio , invece, si alterneranno. Questa situazione durerà fino a sabato, giorno in cui la ditta che sta eseguendo i lavori all’interno dell’edificio, dovrebbe riconsegnare anche il piano superiore. Un condizionale d’obbligo, con un cantiere, che sia dall’esterno che dall’interno della scuola manifesta ancora notevoli disagi per tutte le componenti. Dovesse essere confermata la data di sabato, le autorità scolastiche inoltrerebbero immediata richiesta di ottenere l’agibilità anche per il piano superiore, permettendo così agli alunni del biennio di poter frequentare le lezioni normalmente tutti i giorni. Intanto ieri mattina durante il sopralluogo tecnico presenti solo il dirigente scolastico Annunziata Ferrara, il sindaco di Ostuni Gianfranco Coppola e l’assessore ai lavori pubblici Paolo Pinna. Non hanno partecipato, seppur convocati, rappresentanti della provincia o delegati della ditta che sta Liceo Pepe Esterno  (2)eseguendo i lavori. Un contatto telefonico con i tecnici dell’Ente ci sarebbe stato nel pomeriggio. Una riunione, quella mattutina, giunta dopo il sopralluogo del responsabile del servizio di Igiene e sicurezza dell’asl Angelo Lanzillotti, che ha certificato l’agibilità esclusivamente per il piano terra dell’edificio. Nel pomeriggio, invece, si è riunito il consiglio d’istituto del liceo scientifico, che ha così deliberato la ripresa delle lezioni. Ma intanto il clima e la sfiducia all’interno delle componenti scolastiche cresce. In un documento gli stessi docenti hanno manifestato tutta la loro preoccupazione, non solo per il presente ma anche per il futuro. In questi giorni sono in corso le pre-iscrizioni e le fasi di orientamento per le scuole superiori da parte degli alunni della scuole medie, ed il liceo scientifico di Ostuni, che in passato ha sempre raccolto consensi ed iscrizioni, in condizioni così precarie sta subendo «un grande danno d’immagine» sottolinea il collegio dei docenti. Sul piede di guerra anche i genitori degli studenti: in tanti stanno seguendo da vicino l’intera vicenda preoccupati per i disagi dei loro figli, per quanto riguarda l’attività didattica, e per le condizioni logistiche della scuola che dovrebbe ospitare gli alunni. La comunità studentesca nelle scorse ore aveva continuato a manifestare il proprio dissenso: soprattutto non voleva prendere in considerazione alcune delle ipotesi paventate, come lo svolgimento delle lezioni durante l’orario pomeridiano. Una situazione questa che avrebbe aggravato notevolmente una condizione già abbastanza precaria, soprattutto per le decine di studenti pendolari iscritti in questo istituto. UnaLiceo Scientifico Lavori Sopralluogo  (3) paralisi dell’attività didattica iniziata già da diversi mesi, che lo scorso 7 gennaio ha toccato il punto di massima criticità. Al ritorno, infatti, nelle proprie aule dopo il periodo natalizi,o alunni, docenti e dirigente hanno ritrovato la loro scuola gelida e con la polvere che aveva invaso ogni spazio. Diversi furono i malori accusati da alcuni studenti. Una situazione che indusse la preside a richiedere l’intervento del sindaco e delle autorità sanitarie. Immediatamente fu certificata l’assenza di condizioni di igienicità, salubrità e sicurezza, che portarono all’ordinanza di chiusura firmata dal primo cittadino della città bianca Coppola, fino, così, alla riapertura parziale di questa mattina: una soluzione tampone che non va, certamente a rimuovere le tante perplessità delle varie componenti scolastiche.