10413425 758495634223759 1324775334000430075 n
10413425 758495634223759 1324775334000430075 n

La vittoria questa volta è evaporata negli ultimissimi secondi. L’Olympique Ostuni pareggia la partita “casalinga” contro il Five Bari nel bellissimo PalaWojtyla di Martina Franca dopo essere stata sempre in vantaggio. Il 4-4 finale è infatti un risultato bugiardo visto che i ragazzi di Iaia, alle prese con una miriade di difficoltà, meritavano la vittoria per applicazione, sacrificio e la mole di occasioni create

Gli avversari hanno fatto un gioco congeniale alle loro caratteristiche: una buona difesa guidata dal capitano Taccogna e ripartenze ben organizzate. I diciotto punti maturati in trasferta dai baresi rappresentavano la prova dell’organizzazione della squadra di De Giosa, sempre sul pezzo e arcigna in tutte le zone del campo.

Iaia alle prese con scelte forzatissime schiera Convertini in porta, Vinci, Quartulli, Digiuseppe e Fiorentino. In panchina recuperato capitan Calò, nulla da fare per Giandonato e Sgura. Uniche rotazioni rappresentate da Boccardi e dal giovanissimo classe 97 Alessio Fumarola , autore di un convincente esordio.

L’Olympique deve per forza dosare le energie vista l’emergenza e parte con atteggiamento di studio. I baresi difendono con ordine facendo subito intendere di avere le capacità di ribaltare l’azione in modo fulmineo ogni qual volta si cade in errore. Con il passare dei minuti però i gialloblu prendono coraggio e iniziano a impensierire seriamente gli ospiti. Il vantaggio siglato da Quartulli sa di liberazione. Il Bari non sta a guardare ma quando si affaccia nell’area avversaria deve fare i conti con un grandissimo Convertini. Una bella combinazione porta al gol del raddoppio siglato da Mino Boccardi. Sul 2-0 rallenta vistosamente il gioco e in due minuti il Bari riesce prima ad accorciare e poi, tra lo scoramento generale, addirittura a pareggiare annullando tutto il grosso lavoro fatto fino a quel momento. Il giovane Fumarola però bagna l’esordio con una bella triangolazione consegnando con un assist al millimetro il tap-in a Fiorentino per il 3-2. Con questo risultato le squadre vanno a riposo.

Nella ripresa il trend rimane invariato: l’Olympique cerca di dosare ogni sforzo lanciandosi solo quando è necessario mentre il Bari pazienta, difende e riparte. Quando Digiuseppe trova il bellissimo gol del 4-2 tutti pensano a una situazione ormai in discesa. L’Olympique invece nella seconda parte del secondo tempo accusa la stanchezza fisica e mentale e inizia a sbagliare qualche palla di troppo sia in avanti che dietro. Il Bari, sornione, capisce che è il momento giusto per farsi sotto e inizia a martellare la porta di Convertini che insieme a un grande Calò limita i danni. Negli ultimi minuti la beffa. Prima il 4-3, poi il gioco del portiere in movimento fa soccombere Iaia e i suoi ragazzi a trenta secondi dal termine.

Sconforto e rammarico. La vittoria, panacea di tutti i mali, serviva per dare fiducia e morale a una squadra che ha bisogno di serenità. Le defezioni dettate dal mercato, gli infortuni costanti, il PalaGentile ancora chiuso sono problemi che se accumulati costano tanto in termini di energie nervose. Non è facile ma Iaia e i suoi sono dei combattenti nati e in un modo o nell’altro tornerà il sereno nel cielo dell’Olympique Ostuni

Ora sabato prossimo difficile trasferta ad Altamura in quello che è un vero e proprio scontro diretto. L’obiettivo è fare punti per non correre il rischio di essere inghiottiti nelle sabbie mobili.

NEWS: a quanto si apprende nelle ultime ore la nebulosa situazione legata all’agibilità del PalaGentile è in via di definizione: la struttura dovrebbe essere pronta nel primo mese del nuovo anno. Nel frattempo l’Olympique Ostuni, come altre società ostunesi, potrà godere dell’utilizzo della palestra della scuola Orlandini Barnaba per le proprie attività settimanali. Un bel passo in avanti come testimonia l’AD Giovanni Zaccaria: “Il periodo in cui succede di tutto forse sta volgendo al termine. Era importante per noi ovviare alla indisponibilità del PalaGentile con una struttura adeguata che possa far allenare in totale sicurezza i nostri tesserati. Ringraziamo per questo l’Amministrazione per l’attenzione mostrata nei confronti di tutte le società sportive. Per le partite casalinghe continueremo presumibilmente a Martina Franca. Devo ringraziare anche tutti i nostri giocatori per la particolare attitudine al sacrificio che stanno mostrando senza farsi abbattere dagli eventi. La voglia di vincere mostrata sabato ne è la prova. Peccato per il risultato, ma sono fiducioso per il futuro”.

Ufficio stampa

ASD OLYMPIQUE OSTUNI