Aggredito, alle spalle, al termine di una partita di calcetto: finisce in ospedale un sedicenne di Ostuni, ricoverato d’urgenza al “Policlinico” di Bari.

L’adolescente ha subito un sospetto trauma maxillo facciale ed altre contusioni al volto, in particolare allo zigomo ed all’occhio.

E così una semplice partita amatoriale tra ragazzini ha sfiorato il dramma nelle scorse ore. Su quanto avvenuto in un centro sportivo, che si trova all’interno del territorio della Città Bianca, è in corso un’indagine da parte dei carabinieri della stazione di Ostuni. Potrebbe, comunque, essere già stato individuato l’autore dell’insano gesto: si tratterebbe di un 17enne di Bari, in vacanza a Rosa Marina. Le forze dell’ordine, in queste ore, anche dall’ascolto di alcuni testimoni, stanno provando a ricostruire nel dettaglio tutti gli aspetti di questa vicenda, che avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi, dal punto di vista fisico, per il 16enne ostunese.

Da una prima versione dei fatti, per cui si attendono ulteriori conferme, i due giovanissimi dopo la partita amatoriale disputata nella Città Bianca, avrebbero iniziato per futili motivi a litigare, solo verbalmente, però. Nella parte iniziale del litigio, infatti, non ci sarebbe stato nessun contatto fisico tra di loro. Il diverbio, poi, è degenerato con il minore della Città Bianca, che è stato colpito nella parte superiore del volto.
Ancora da individuare con certezza l’oggetto contundente che ha provocato le gravi lesioni all’occhio.

Secondo alcuni testimoni si tratterebbe di un borsone sportivo, quello da calcio a tracolla con all’interno anche delle scarpe, che l’altro minore protagonista della vicenda avrebbe scagliato contro l’ostunese. La versione fornita dagli inquirenti, al momento ed in attesa di ulteriori riscontri, è quella di una presunta borraccia lanciata nei confronti del minore, poi ferito.

La gravità di quanto avvenuto è testimoniata dai traumi riportati dall’adolescente: i sanitari del 118, infatti, dopo un primo trasferimento all’ospedale di Ostuni, hanno ritenuto, indispensabile, il ricovero del giovanissimo al “Policlinico” di Bari per una serie di accertamenti all’occhio ed allo zigomo. Il 16enne è ancora ricoverato nell’ospedale del capoluogo, dove i sanitari stanno monitorando costantemente l’evolversi del suo quadro clinico, ed in particolare la zona dell’occhio. Contestualmente, anche da quello che sarà il referto medico dei prossimi giorni con la prognosi, saranno indirizzate le indagini da parte dei carabinieri: si valuta l’ipotesi anche per una denuncia per lesioni gravi, dovessero essere accertate le responsabilità del 17enne, originario di Bari.

Un eccesso di foga al termine della partita che potrebbe finire, così, nelle aule di un tribunale. Una partita di calcetto tra giovanissimi, in una classica serata estiva, con un finale ancora tutto da decifrare, ma non sul lato sportivo, bensì su quello penale. È fondamentale su questo fronte gli eventuali riscontri d’indagini dei carabinieri sull’ effettiva colpevolezza del giovane in vacanza sul litorale della Città Bianca, presunto autore dell’aggressione.

POTRESTI ESSERTI PERSO: