Lavorano incessantemente da ieri sera gli agenti del Commissariato di Ostuni diretti dal dott. Gianni Albano e della squadra mobile di Brindisi.

La ricostruzione del fatto ha portato gli inquirenti ad arrestare un giovane 20enne ostunese, accusato di omicidio. Intanto questa mattina la salma di Giuseppe Maldarella classe 1975 è stata trasportata al cimitero di Ostuni, dove nei prossimi giorni verrà effettuata l’autopsia, disposta dal PM di turno Livia Orlando.

Intanto la questura di Brindisi ha diffuso la nota che vi proponiamo di seguito.

“Intorno alle 22,50 di ieri sera, in via Garibaldi, angolo via Fogazzaro di Ostuni, la Volante del Commissariato è intervenuta a seguito di una segnalazione di persona accoltellata. Gli operatori immediatamente hanno riconosciuto nel ferito, adagiato sul sedile anteriore dell’auto condotto dalla moglie, Giuseppe Maldarella del 1975 che presentava evidenti ferite da taglio. Soccorso dal 118 e trasportato nel locale nosocomio, poco dopo è deceduto. Nel frattempo, presso l’ospedale di Fasano sempre nella serata di ieri, erano giunti, con ferite agli arti superiori, altre due persone.

La serrata attività investigativa della Squadra Mobile e del Commissariato ha consentito di stabilire che l’evento delittuoso si era consumato poco prima all’interno di un’abitazione in via Massimo D’Azelio e nelle adiacenze della stessa. Qui ci sarebbe stato un alterco, poi degenerato in aggressione fisica tra il deceduto e altre persone.

Alla base del litigio ci sarebbe una relazione sentimentale tra la figlia minore di Maldarella e un giovane ostunese. La ricostruzione dell’occorso ha portato, nel corso della notte, a ricostruire un grave quadro indiziario a carico di M.L. di 20 anni, fidanzato della figlia dell’ucciso, che è stato tratto in arresto. Sono in corso ulteriori accertamenti da parte della Squadra Mobile e del Commissariato per ricostruire in ogni dettaglio la dinamica del fatto di sangue”.

Nelle prossime ore potrebbero arrivare nuovi aggiornamenti sulla videnda

POTRESTI ESSERTI PERSO: