DSC 0372
DSC 0372
Pubblicità
Farmacia Matarrese estate 2020 Ostuni
Pubblicità

“Tu da qui non esci viva”: un ostunese di 30 anni è stato arrestato, ai domiciliari, e rimesso in libertà a distanza di 24 ore, con l’accusa di aver minacciato e aggredito la convivente, costretta a ricorrere al pronto soccorso.

L’episodio di violenza è avvenuto nella serata di venerdì scorso: a chiedere l’intervento degli agenti del commissariato sono stati alcuni vicini di casa della coppia, preoccupati per le urla.

I poliziotti hanno chiesto l’intervento del 118 dopo aver trovato una donna con il volto tumefatto. Stando alla ricostruzione dei fatti, poco prima i due avevano litigato, lei era stata costretta a rifugiarsi in bagno ma lui era riuscita a raggiungerla: avrebbe sfondato la porta a calci, poi l’avrebbe colpita con il phon e avrebbe tentato di soffocarla con il filo e con la tendina della doccia. L’uomo è stato arrestato su disposizione del pubblico ministero di turno, Simona Rizzo, che ha condiviso le evidenze probatorie e la gravità dell’accaduto, anche in cosiderazione del fatto che la donna non ha voluto denunciare il convivente.

Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne

Nella giornata di ieri il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Brindisi ha convalidato l’arresto operato in flagranza di reato ma ha sottolineato il positivo effetto deterrente e rieducativo dell’arresto e per questo lo ha rimesso in libertà, ammonendolo severamente al mantenimento di una condotta di vita non equivoca nè lesiva dell’integrità psico-fisica della vittima nel corso del prosieguo dell’iter giudiziario a suo carico.

POTRESTI ESSERTI PERSO...