olive
olive
Pubblicità
Farmacia Matarrese estate 2020 Ostuni
Pubblicità

L’evento si è registrato nella campagne della Città Bianca tra Monticelli e Rosa Marina.

L’infezione provoca l’essiccamento della pianta.

Un focolaio di Xylella Fastidiosa, è stato registrato per la prima volta nella campagne di Ostuni, nella piana degli Ulivi Secolari. Cresce dunque la paura negli agricoltori della Città Bianca, come raccontato questa mattina da “La Gazzetta del Mezzogiorno”, l’evento si è verificato su una pianta che si trova a pochi passi dalla frazione marina di Rosa Marina – Monticelli, nei pressi della stazione di servizio Q8. Il nuovo focolaio si trova a meno di 30 chilometri dal confine tra le province di Brindisi e Bari e ha suscitato notevole preoccupazione fra gli olivicoltori. La scoperta è stata fatta nel corso delle operazioni di monitoraggio per contrastare l’avanzata del batterio disposte dalla Regione Puglia. Le verifiche sono partire il 26 settembre e nel corso del servizio di monitoraggio sono stati prelevati dei campioni dalle piante colpite da essiccamento in tutto il territorio compreso fra Brindisi e la zona del Sud barese, oltre che la provincia di Taranto.

xylella-ostuniSull’argomento è intervenuto anche il presidente del Parco delle Dune Costiere e di Federparchi, Enzo Lavarra che in una nota ha sottolineato: “Il ritrovamento di una pianta infetta nella zona di Ostuni conferma la fondatezza dell’allarme lanciato già negli anni scorsi  dai ricercatori e dagli olivicoltori del Sud Salento sulla pericolosità del contagio verso il nord della Puglia. E conferma la drammatica insufficienza di un’azione di contrasto basata esclusivamente sulle buone pratiche. Se non si corre ai ripari sono a rischio il destino produttivo e il patrimonio monumentale dei secolari, con i suoi caratteri di unicità nel Mediterraneo. Spetta in primo luogo alla Regione di essere in prima linea in questa battaglia contro il tempo“.

Il presidente della CIA Agricoltori Italiani provincia di Brindisi, Giannicola D’Amico intervenendo sulla macabra scoperta ha dichiarato: “La notizia del ritrovamento di Xylella fastidiosa lungo la litoranea di Ostuni ci preoccupa ed allarma non poco. La Xylella, purtroppo, avanza senza aspettare i tempi della giustizia, della burocrazia e della politica. E minaccia seriamente la piana degli ulivi millenari tra Carovigno e Monopoli. Da tempo avevamo chiesto che il monitoraggio riprendesse dopo quasi 9 mesi di sospensione. Ed avevamo ancora una volta visto giusto. Non appena il monitoraggio è ripreso è stato riscontrato questo focolaio che minaccia un territorio a forte vocazione olivicola con una parte caratterizzata da ulivi secolari che rappresentano anche un importante fattore di attrazione per il turismo e la multifunzionalità. Ribadiamo con forza che non bisogna perdere altro tempo, che occorre condividere una nuova strategia per il futuro dei territori interessati dalla problematica, iniziando ad immaginare un nuovo modello di sviluppo del territorio. Ben vengano i progetti di ricerca scientifica e la nuova legge regionale. Non dimentichiamoci, però, degli agricoltori, che sono i primi penalizzati in tutta questa vicenda”.

Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne

Il Video Servizio di Repubblica TV sul posto http://video.repubblica.it/edizione/bari/puglia-la-xylella-arriva-nella-terra-degli-ulivi-millenari-ecco-l-albero-infetto/256225/256464?ref=fbplba

POTRESTI ESSERTI PERSO...