Ostuni Centro Storico
Ostuni Centro Storico
Pubblicità
Farmacia Matarrese estate 2020 Ostuni
Pubblicità

Un gruppo di studenti dell’Orlandini Barnaba, hanno ritrovato un portafoglio con 350euro all’interno e lo hanno consegnato alla fiamme gialle.

Avrebbero potuto moltiplicare la loro paghetta settimanale, o magari regalarsi l’ultima uscita del loro videogame preferito. Invece si sono comportati da veri uomini, nonostante ognuno di loro avesse meno di 12 anni. Un gruppo di studenti che frequenta l’ Orlandini Barnaba di Ostuni, ieri, ha ritrovato un portafogli, con all’interno 350 euro, più carte di credito, documenti ed altri oggetti di valore. Nessuna esitazione su quale fosse la scelta da fare: contattare le forze dell’ordine e provare a risalire al legittimo proprietario. E cosi in pochi minuti gli studenti hanno contattato il comando della Guardia di Finanza di Ostuni. Nel gruppo dei bambini, c’è, infatti, anche il figlio di un finanziere in servizio nel comando della Città bianca. La ricerca ha avuto un buon esito immediato: nel giro di poche decine di minuti gli uomini del capitano Gerardo Chiusano hanno rintracciato chi aveva perso il portamonete in via Carlo Alberto, nei pressi di Viale Pola, dove ha sede l’ “Orlandini Barnaba”. L’episodio si è verificato all’uscita, al termine della giornata scolastica. Nonostante la ressa quotidiana, i bambini, nell’area esterna dell’edificio, hanno notato quell’oggetto abbandonato per terra, in apparenza senza un padrone, ma che in realtà era stato smarrito da qualcuno. Ed in questo caso si trattava di una turista di origine polacca che spesso trascorre alcuni periodi dell’anno qui in Ostuni. Quasi incredula davanti alla chiamata dei finanzieri quando l’hanno avvertita del ritrovamento del portafogli, altrettanto emozionata quando ha incontrato i ragazzini, i veri protagonisti di questa storia a lieto fine, che hanno ritrovato il suo oggetto personale e consegnato nelle mani sicure dei finanzieri. Il valore ingente della somma presente all’interno del portafogli, a cui si aggiungono anche gli affetti personali contenuti , tra carta di credito e documenti, testimonia la bontà del gesto degli adolescenti, che di fronte ad una somma per loro rilevante, data l’età, senza tergiversare hanno dimostrato il loro già spiccato senso civico, ed una maturità, che nelle società moderne si vede poche volte in ragazzini di 12 anni. Tutto è bene quel che finisce bene, compresa anche la ricompensa, gentilmente offerta, agli “studenti modello” dalla cittadina polacca, che oltre a stringere la mano ed abbracciare ha premiato con una paghetta, più che meritata i piccoli eroi della giornata.

Fonte: Nuovo Quotidiano di Puglia

Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne

POTRESTI ESSERTI PERSO...