Rifiuti, protestano i residenti del centro storico di Ostuni

L’ira dei residenti. Lo stupore dei turisti davanti a tale scempio. Bustoni neri abbandonati, colmi di rifiuti, a pochi passi dal centro storico. Scalinata Antelmi invasa da odori nauseanti. Una scena che si ripete, a Ostuni, da giorni. Ieri, però, scatta il blitz congiunto di vigili urbani e della Gial Plast, l’azienda che si occupa della raccolta rifiuti: quattro denunce penali per gli operatori commerciali, individuati come autori dell’abbandono. Sanzionato anche un privato. L’operazione “tolleranza zero”, in questo snodo cruciale della viabilità pedonale che dal parcheggio della zona “Vitale” conduce al centro storico, continuerà nelle prossime ore. «L’obiettivo dell’amministrazione non è quello di sanzionare, bensì di tenere la città pulita. Le verifiche ora- spiega l’assessore all’ambiente Gaetano Nacci- proseguiranno in maniera ancora più incessante. L’impegno dei tanti cittadini, che con alto senso civico effettuano in maniera corretta la raccolta differenziata, non può essere mortificato da tali atteggiamenti». Fondamentali nell’attività d’indagine di ieri le immagini di una telecamera ed alcuni elementi acquisiti, recuperandoli, dai rifiuti ammassati dentro i bustoni. Riscontri oggettivi e chiari- secondo gli inquirenti- che hanno portato, incrociando gli elementi e ricostruendo l’intero contesto, all’individuazione degli autori del gesto. Titolari delle attività, che evitando di differenziare i rifiuti all’inteno dei loro locali, rispettando il normale calendario del ritiro, hanno “preferito”, mettere insieme, carta, organico, materiale plastico in un unico busto nero. Indifferenziata, non trasportata nell’isola ecologica, ma ammassata sotto un piccolo cestino raccoglitore, di via Vito Tamborrino, che mai avrebbe potuto i bustoni stracolmi di rifiuti. Tutti elementi che porteranno nelle prossime ore alla denuncia penale, come previsto in situazione del genere dal decreto legislativo 152/2006, ed alla sanzione amministrativa, che supera le 2000 euro. Una discarica a cielo aperto quella che si era formata ieri ai piedi della Scalinata Antelmi.

POTRESTI ESSERTI PERSO: