Sopralluogo Pessina Colella
Sopralluogo Pessina Colella
Pubblicità
Farmacia Matarrese estate 2020 Ostuni
Pubblicità

Terzo ed ultimo sopralluogo da parte del CTP della procura di Brindisi per eseguire una nuova verifica tecnica all’interno non solo della 2 E, l’aula dove il 13 aprile scorso si verificò il distacco di un blocco d’intonaco, ma anche in altre aree della scuola. Sono state attaccate al soffitto alcune ventose: attraverso poi un carico si è valutata la coesione tra gli strati. Una prova a “strappo” per verificare a quale grado di forza l’intonaco si distacca dalla parte superiore dell’aula. A coordinare anche tutte le fasi i vigili del fuoco di Ostuni e gli agenti del commissariato della città bianca, diretti dal vicequestore aggiunto Francesco Angiuli. Il Ctp ha 90 giorni, da quando ha ricevuto l’incarico (21 aprile 2015 ndr), per poter completare i suoi rilievi.  La storia è nota nella città bianca ed ormai da oltre due mesi è sinonimo di cattivi ricordi. Tre feriti, un edificio posto sequestro e decine di classi spostate in diversi istituti della città bianca: la comunità scolastica di Ostuni è ancora stravolta per la serie di eventi che ha caratterizzato l’ultima parte dell’anno scolastico. L’increscioso episodio del 13 aprile, con il distacco di un blocco d’intonaco nella IIE dell’edificio “Pessina” , una scuola riaperta il 12 gennaio dopo 4 anni di lavori di ristrutturazione, resta ancora vivo nella memoria di famiglie e piccoli studenti. Attimi di puro terrore con i due piccoli alunni Marco e Luca feriti dai calcinacci venuti giù dal soffitto. In quei momenti concitati anche una maestra si procurò la frattura del malleolo. La Procura della repubblica di Brindisi nel giro di poche ore decise la chiusura dell’istituto emettendo il provvedimento di sequestro della struttura, che tutt’ora ancora vige. Ad Ostuni il 14 aprile giunse anche il sottosegretario all’istruzione del governo Renzi Davide Faraone. Affinchè potesse essere concluso l’anno scolastico le 34 classi del “Pessina” sono state dislocate in cinque altre scuole della città bianca, con diversi alunni costretti anche a turni pomeridiani. Notevoli i disagi per le famiglia sia della scuola primaria che per i più piccoli della materna. Nelle scorse settimane i genitori hanno deciso di costituirsi in un comitato per seguire da vicino la vicenda, e soprattutto per verificare quali saranno le scelte adottate per la ripresa delle lezioni nel settembre del 2015

Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne

POTRESTI ESSERTI PERSO...