Furto CRI
Furto CRI
Pubblicità
Farmacia Matarrese Ostuni
Pubblicità
Pubblicità
Volantino Spazio Conad Mesagne

Si comunica che a conclusione di articolate indagini, nel tardo pomeriggio di ieri, personale della Squadra Volante di questo Commissariato di P.S., nell’ambito della consueta attività di prevenzione e controllo del territorio, è riuscito ad acquisire una consistente mole di elementi probatori a carico del nominato in oggetto, ritenuto responsabile di aver perpetrato, nel corso della precedente nottata, in rapidissima successione, due furti pluriaggravati, con impossessamento di costoso materiale elettronico, tutto successivamente recuperato, restituito agli aventi diritto, con conseguente incriminazione del ricettatore (T. F.),gestore di un noto negozio di materiale di quel genere, operante nel centro cittadino di Ostuni (che nel frattempo aveva acquistato dal ladro il “maltolto”). In particolare, i furti pluriaggravati (in ragione della violenza con la quale sono state sfondate le porte, del rilevante valore del materiale rubato, l’aver già provveduto a “piazzare” la refurtiva al ricettatore) sono stati perpetrati:

1)      all’interno della sede dei Volontari della Protezione Civile (Serostuni), con sede nella Città Bianca alla via G. Rossetti n. 27, piano terra. In particolare, stando alla ricostruzione dei fatti, così come operata dai poliziotti intervenuti, il malvivente (verso le precedenti ore 02,30) aveva sfondato con un poderoso calcio la porta d’ingresso dello stabile e, dopo essere riuscito a disattivare l’impianto di videosorveglianza approfittando del maltempo, aveva sconnesso la cavetteria di costosi monitors, componenti elettrici, elettronici e maxitelevisori (35 pollici), con l’intento di appropriarsene;

2)      all’interno della sede della Croce Rossa Italiana, attigua a quella dei Volontari della Protezione Civile (Serostuni); anche qui, il malvivente aveva operato nel medesimo modo ma, in più, aveva anche sconnesso e prelevato alcuni costosissimi personal computer portatili, con l’intento di appropriarsene.

Provvidenziale, l’intervento dei poliziotti della Volante di quest’Ufficio: nel transitare dinanzi all’immobile in questione, agli operatori non era sfuggito qualche rumore sospetto che l’incursione del malvivente, tuttavia, stava provocando all’interno. Purtroppo, nell’esatto momento in cui i poliziotti si apprestavano ad intervenire, essendosi accorto dell’ormai imminente arresto, il ladro, si era letteralmente fiondato all’esterno riuscendo, tuttavia, a portar con sé un grosso televisore (35 pollici, sistema led, del valore di circa 2000,00 euro, che si trovava all’interno della sede della Protezione Civile) e due costosissimi personal computer portatili (marca ACER, dotati di possibilità d’interconnessioni con modem di pertinenza della stessa C.R.I. nazionale, dal valore complessivo di ulteriori euro 2000,00 circa ).

Ne era scaturito un inseguimento, protrattosi in varie vie del centro ostunese, a seguito del quale, il ladro, fortunosamente e forte della rapidità con la quale si era dato a precipitosa, era purtroppo riuscito a far perdere le proprie tracce.

Grazie agli immediati e puntuali accertamenti eseguiti all’interno dei luoghi in cui erano stati perpetrati i furti, ivi compresi i rilievi di polizia scientifica, l’ascolto di testimoni e la consultazione di immagini estrapolate da impianti di videosorveglianza esistenti lungo il tragitto lungo il quale si è sviluppato l’inseguimento, nel pomeriggio di ieri, è stato individuato, bloccato ed identificato il presunto ladro, ossia M.M.; mentre era in corso la localizzazione ed il placcaggio di quest’ultimo (trovato nella sua abitazione, poco distante dal luogo ove erano sati perpetrati i due furti in questione), altro personale del Commissariato di P.S. di Ostuni ha individuato, bloccato ed identificato il ricettatore cui M. M. aveva già venduto la refurtiva, che, pertanto, è stata integralmente recuperata e restituita ai responsabili delle due organizzazioni che, con spirito di sacrificio e forte abnegazione, si pongono al servizio della cittadinanza allorché eventi naturali e fatti di cronaca lo impongono.

All’atto della restituzione della refurtiva (avvenuta nella stessa serata di ieri), i responsabili delle due organizzazioni benefiche (avv. Biagio NOBILE, per la Protezione Civile e l’avv. Gianluca PETRAROLI per la C.R.I.) hanno espresso sentimenti di ringraziamento e compiacimento per l’operato dei poliziotti che, con estrema rapidità, sono riusciti a risolvere radicalmente il “caso” in questione.

L’attività, si è conclusa con la formalizzazione degli atti di polizia giudiziaria:

essendo ormai trascorsa la flagranza del delitto, sai il ladro, sia il ricettatore sono stati denunciati alla Procura della Repubblica del Tribunale di Brindisi in stato di libertà (entrambi si sono riservati di nominare il difensore di fiducia).

Inoltre, nella stessa serata di ieri, a conclusione di differenti-parallele indagini di p. g. che si protraevano da qualche settimana, i poliziotti della Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato di P.S. Ostuni, sono riusciti a recuperare (rinvenendola abbandonata in una casa disabitata ed abbandonata del borgo antico) e restituire all’avente diritto (parroco), una costosa telecameraad infrarossi” che ignoti avevano rubato circa quindici giorni orsono, strappandola dall’esterno dell’entrata secondaria della Chiesa di San Francesco, accanto al centralissimo palazzo del Municipio di Ostuni.

Indagini ancora in corso, anche per appurare eventuali ulteriori responsabilità dei due denunciati, nonché per bloccare i responsabili del furto alla chiesa (ormai, in corso d’individuazione).

Comunicato Stampa Commissariato di Polizia di Ostuni 

Pubblicità pescheria nautilus ostuni