Riceviamo e Pubblichiamo

Si comunica che intorno alle ore 18,30 di ieri, personale di questo Ufficio (tre agenti della Squadra Volante – Uff. Contr. del Territ.), libero dal servizio, è intervenuto in località Specchiolla (borgo marittimo, agro di Carovigno), ove hanno individuato e bloccato un turista, M. A., di anni 38, incensurato, da Modena, il quale è stato successivamente denunciato, in stato d libertà, perché ritenuto responsabile di minacce pluriaggravate mediante utilizzo di una pistola scacciacani (con canna priva di tappo rosso) ed un fucile da sub.

In particolare, mentre erano in spiaggia, i poliziotti avevano udito forti urla di allarme ed un improvviso fuggi-fuggi di bagnanti; intervenuti con tempestività, avevano appreso da un bagnante (che era lì con l’intera famiglia) che poco prima, il predetto M. A., presentatosi per un appartenente alla polizia americana (FBI), aveva chiesto a quest’ultimo di custodire le chiavi della sua vettura (mercedes) per il tempo strettamente necessario per un’immersione. L’uomo aveva declinato tale richiesta, rappresentando di essere in procinto di lasciare la località marittima.

Evidentemente, tale diniego aveva indispettito M. A., il quale, dopo aver indossato la muta da sub, aveva continuato ad urlare inveendo contro il bagnante anzidetto, reo di non aver inteso custodire le chiavi dell’automobile; quindi, in tale contesto, M. A. aveva platealmente caricato il grosso fucile da sub (fiocina di oltre un metro e mezzo di lunghezza) che aveva con sé, brandendolo pericolosamente e puntandolo minacciosamente sia verso il medesimo bagnante, sia verso altri gitanti presenti spiaggia (numerosi).

Era quindi conseguito il fuggi-fuggi che era notato dai poliziotti, laddove tutti i presenti erano scappati ritenendo di mettersi in salvo. Lo stesso è stato bloccato dai poliziotti pochi istanti dopo, mentre si accingeva ad immergersi, allorchè era già ad una decina di metri dalla battigia.

Immediatamente disarmato dai poliziotti, M. A. è stato ricondotto a riva; in quel contesto, erano sopraggiunte altre persone che avevano informato gli stessi poliziotti che quel soggetto (M. A.) poco prima, in una spiaggia poco distante, per motivi imprecisati, aveva apertamente minacciato alcuni bagnanti con una grossa pistola (immediatamente dopo essere disceso dalla sua mercedes), per poi allontanarsi rapidamente.

Alla stregua della minaccia perpetrata col fucile da sub e di quest’ultima gravissima indicazione, i poliziotti procedevano al sia sequestro medesimo fucile da sub (ivi comprese due grosse fiocine, una delle quali della lunghezza di oltre un metro e mezzo) ed alla immediata perquisizione della vettura di M. A.; nel bagagliaio, nascosta sotto la ruota di scorta, veniva rinvenuta e sottoposta a sequestro una pistola scacciacani di grosse dimensioni (riproducente, in tutto, la nota Beretta mod. 98 FS, il cui tappo rosso posto alla canna era stato abilmente limato).

M. A. veniva condotto in questi Uffici, ove numerosi bagnanti hanno formalizzato denuncia-querela nei suoi confronti, per patite minacce pluriaggravate.

Lo stesso (che ha nominato quale difensore di fiducia l’avv. Pasquale Saponaro, da Carovigno) è informato di essere stato denunciato, in stato di libertà, per i delitti innanzi indicati, nonché per porto abusivo d’arma.

Sono in corso ulteriori e più approfonditi accertamenti a carico di M. A.

Il sottoscritto si è complimentato con i poliziotti per la prontezza con la quale hanno agito per ripristinare la legalità, bloccare M.A., ed acquisire gli elementi di prova a carico del medesimo, malgrado liberi dal servizio.

POTRESTI ESSERTI PERSO: