Angelo Brescia

Il consigliere comunale Angelo Brescia, chiede infomarzioni riguardanti la somministrazione della terza dose ad Ostuni.

Crescono i contagi in Italia e il governo accelera sulla somministrazione delle terze dosi, sono più di 2 milioni gli italiani che hanno ricevuto la terza dose del siero. Con i contagi in crescita in tutta Europa, la terza dose per frenare la corsa del virus prima di Natale, per non rischiare di tornare a celebrare le feste in zona rossa, proprio come accadde lo scorso anno.

Sulla somministrazione della terza dose nella Città Bianca e sulla logistica dell’Hub Vaccinale, è intervento il consigliere del Partito Democratico Angelo Brescia.

La terza dose è il tema più dibattuto nelle ultime ore tra le parti politiche e le parti sanitarie, è giusto quindi interrogarsi anche su questo a livello locale – dichiara Angelo Brescia del Partito Democratico – Vorrei chiedere all’amministrazione comunale ed alla ASL di Brindisi, come ci si sta organizzando per la somministrazione della terza dose alla popolazione ostunese. È impensabile che non si crei una sede alternativa la Pala Gentile, che giustamente è stato riconsegnato alle associazioni sportive, però è anche impensabile che gli ostunesi debbano raggiungere Fasano per l’inoculazione, mi riferisco soprattutto agli anziani della nostra città.

Chiedo dunque chiarezza all’amministrazione, magari si potrebbero usare diversi spazi nella nostra città che non andrebbero ad intaccare attività, per esempio gli spazi del seminario (come si pensò all’inizio della vaccinazione), oppure tramite i saloni parrocchiali o gli spazi della palestra dell’istituto Vitale. Spero di avere delle risposte al più preso per facilitare le operazioni di vaccinazioni in vista delle festività natalizie come ha sottolineato il ministro della salute Speranza”.