start-up Pugliesi

Le start-up innovative rappresentano i “motori” dell’economia, non solo italiana, ma anche globale.

Per quel che riguarda il loro ecosistema, in Italia ci sono alcune realtà che sembrano brillare più di altre, come nel caso della Puglia, una delle regioni in assoluto più virtuose da questo punto di vista. I dati, infatti, confermano la scalata della Puglia verso l’innovazione; scopriamo più nel dettaglio qual è la situazione attuale in Italia e nella nostra regione.

Start up e innovazione nel contesto italiano

Nell’arco di un ventennio, il totale di start up innovative registrate in Italia ha superato quota 12 mila unità. Il merito va anche al Governo, che ha incentivato queste nuove realtà grazie a una serie di finanziamenti, alcuni dei quali anche a fondo perduto:  tale situazione ha ovviamente favorito lo sviluppo di numerose startup innovative e tecnologiche. Se poi si considerano i settori operativi di queste società ad alto tenore tecnologico, si scopre che il 14% delle start up rientra nel comparto energetico, uno dei settori in assoluto più floridi da questo punto di vista.

Per quanto riguarda la Puglia, i dati testimoniano una crescita molto positiva che si è verificata negli ultimi 5 anni: si è infatti passati da appena 5 startup innovative e tecnologiche a ben 535 unità. Anche in questo caso le politiche regionali hanno rappresentato una spinta notevole  per lo sviluppo del fenomeno, fra sovvenzioni concesse, prestiti rimborsabili e altre forme di finanziamento. Secondo quanto riportato durante gli Innovation Days di Confindustria, la Puglia ad oggi si posiziona al secondo gradino della classifica delle regioni del Sud per numero di start up, e al nono posto nella graduatoria nazionale.

Come trasformare una startup in un business di successo

Avere una propria attività vuol dire anche impegnarsi quotidianamente affinché questa ottenga il successo che merita, a partire dalle basi. Il primo step per migliorare il proprio business, infatti, prevede proprio lo sviluppo di un’idea ben costruita, che possa divenire un progetto concreto nel breve periodo. La pianificazione finanziaria e strategica è essenziale, soprattutto per superare indenni il primo anno, che rappresenta il periodo in assoluto più rischioso per una startup. In secondo luogo, bisogna sfruttare al massimo tutte le potenzialità del digitale: al giorno d’oggi curare la propria presenza online è un obiettivo imprescindibile, così come lo è l’utilizzo di molti strumenti digitali messi oggi a disposizione delle imprese. Per ottimizzare la propria presenza e visibilità sul web potrebbe essere utile per una startup scegliere tra alcune offerte internet pensate per le esigenze business, efficienti ma al tempo stesso vantaggiose in termini di risparmio, considerate le numerose ore in cui si sfrutterà la connessione.

Inoltre, si consiglia di trovare dei partner affidabili dal punto di vista economico e preziosi in termini di condivisione di idee e di strategie. La collaborazione, se eseguita nel modo giusto, è sempre una soluzione ottimale per il raggiungimento degli obiettivi prefissati.