scuola covid
scuola covid
Erboristeria Mirto Ostuni

Lettera del gruppo dirigente di FdI al commissario prefettizio

Sua Eccellenza,
In seguito a molteplici segnalazioni ricevute dalle famiglie ostunesi che si accingono a preparare i propri figli al ritorno a scuola, con la presente, vogliamo sottoporre alla sua gentile attenzione e valutazione, la situazione reale in cui versa la nostra comunità scolastica in riferimento all’esteso contagio Covid 19 presente nella nostra città.

La gravità del momento riguardo all’ampia presenza del virus Covid 19 Omicron sul nostro territorio è una  realtà confermata non solo dalla situazione visibilmente difficile dettata dalle file interminabili presenti nelle farmacie e presso i laboratori che si prestano ad eseguire tamponi antigenici, bensì anche dalla situazione di
blocco in cui si trova la Asl di Brindisi, situazione che impedisce di avere dati attendibili sul reale contagio in tutta la provincia e di conseguenza ad Ostuni.

Per questo motivo Esimio Commissario le chiediamo di ascoltare la voce delle famiglie ostunesi che ci onoriamo di portare alla sua attenzione attraverso questa lettera, e intervenire affinché il rientro a scuola dei nostri figlia sia fatto in condizioni di maggiore sicurezza per evitare un ulteriore aggravio imminente dell’attuale situazione pandemica nella nostra città. Abbiamo atteso tutti speranzosi una decisione a livello di governo centrale, decisione che rispecchi una maggiore consapevolezza della presenza reale del virus Covid 19 sui territori, e, non dei dati che oramai risultano concretamente sfalsati dal blocco dei sistemi operativi della Asl, ma ciò non è accaduto, pertanto, a nome di molteplici famiglie ostunesi chiediamo a Lei, in qualità di massimo esponente dello Stato presente nel nostro Comune, di interpellare la ASL Brindisi e
concordare l’organizzazione di Hub , presso gli istituti scolastici, per eseguire tamponi rapidi antigenici prima dell’ingresso nelle aule, rimandando il ritorno in presenza almeno per i giorni necessari a fare uno screening generale.

Leggi anche  Solidarietà al consigliere Tanzarella dal gruppo di Fratelli d'Italia

Come è ben noto alle famiglie il tampone non è obbligatorio, ma sono le famiglie stesse a chiedere la possibilità di essere cooperanti ad eseguire i tamponi affinché si possa ovviare alla presenza di ragazzi positivi asintomatici che potrebbero rientrare in aula, e, ciò porterebbe ad un incremento incontrollabile della positività nel senno delle famiglie ostunesi già molto provate dall’attuale situazione di positività estesa. Le rendiamo noto che confrontandoci con alcuni Dirigenti Scolastici abbiamo appreso della situazione difficile in cui si ritroveranno le scuole di Ostuni, lunedì 10 gennaio, in merito alle assenze estese tra il personale docente e personale Ata, assenze dovute sempre alla presenza estesa del virus.

Ringraziandole in anticipo per la sua attenzione, e, speranzosi di ricevere un suo propositivo riscontro

Porgiamo Distinti Saluti
Claudia Trifan, Lucia Andriola, Giuseppe Bagnulo e Francesco Semerano