Ostuni alto
Ostuni alto
Pubblicità
Pubblicità

L’ufficio del Piano di zona, in cui rientrano i comuni di Ostuni, Cisternino e Fasano, ha dispoto la cessazione delle attività, con effetto immediato.

Al centro del contenzioso le mancate acquisizioni e deposito delle certificazioni di agibilità e igienico-sanitarie dell’immobile di via Latilla destinato al centro diurno socio-educativo. Le attività, però, fino al mese scorso erano state trasferite, momentaneamente, all’interno dell’edificio che ospita la scuola media “Orlandini Barnaba”. Oltre 25 i minori che hanno da sempre partecipato alle attività, portate avanti dallo scorso ottobre dalla cooperativa “Libera”, a cui ora dovrà essere annunciato l’interruzione definitiva di questo centro socio-educativo. I ragazzi utilizzavano il centro per svolgere attività di recupero scolastico e inerenti a diversi laboratori, tra i quali, arte, musica e sport.. Le attività, intanto, erano anche state sospese per l’indisponibilità sopraggiunta dei locali dell’Orlandini Barnaba. Sull’intero appalto nei mesi scorsi, intanto, era stata avviata una fase d’indagine preliminare della Guardia di Finanza di Ostuni.Sui contenuti dell’inchiesta resta ancora il massimo riserbo. Ora, intanto,  avverso la decisione dell’”Ufficio di piano” è ammesso ricorso al Tar entro sessanta giorni dalla notifica.