acquedotto pugliese1
acquedotto pugliese1

Lotta ai ritardi della burocrazia e garanzia per il ripristino delle strade dopo gli interventi.

Sono questi due degli ambiti che rientrano nella convenzione pronta ad essere siglata tra l’amministrazione comunale di Ostuni e l’ Acquedotto Pugliese.

La giunta comunale, infatti, ha approvato uno schema di accordo con l’ Aqp, che punta a semplificare l’iter per i nuovi allacci. L’Aqp una volta ricevuta la domanda di nuova utenza dai privati non dovrà più presentare domanda al comune di autorizzazione per  manomissione strada e richiesta parere vigili urbani con il rischio di allungare la tempistica per eseguire le opere. Con questa convenzione, valida in fase sperimentale per sei mesi, ci sarà un’apertura pratica di manomissione delle strade unica. Appena l’utente chiederà un allaccio, l’ Acquedotto pugliese comunicherà al comune di Ostuni ed alla polizia municipale la possibilità di avviare i lavori. Entro 10 giorni gli uffici dovranno valutare eventuali potrà problemi  per i lavori( feste, altri allacci ).

Finita questa prima fase, ottenuto l’immediato e definitivo via libera l’Aqp dovrà eseguire l’allaccio nei 20 giorni successivi : in circa un mese, così, si potrà avere l’iter e concludere la pratica. Tempi ben diversi rispetto agli attuali, dove Aqp è costretta, pratica per pratica, a richiedere singole autorizzazioni preventive tra uffici comunali e polizia municipale ed aspettare diverse settimane, senza certezza sui tempi, solo per avviare i lavori. Nella delibera di giunta approvata si evidenzia come Aqp dovrà presentare una cauzione di 200 mila euro, con polizza fideiussoria bancaria o assicurativa, che ha la funzione di garantire l’adempimento di tutte le obbligazioni di legge e per il risarcimento di eventuali danni arrecati al patrimonio comunale, compresi eventuali ripristini delle strade non eseguiti a regola d’arte.

Leggi anche  Al via uno studio tecnico-economico per dotare di acqua e fogna la marina di Ostuni

«La volontà di procedere con un’autorizzazione generale alla manomissione delle strade statali comunali nasce per rispondere alle varie istanze dei cittadini in merito alle lungaggini burocratiche nell’ottenimento di un servizio primario come quello dell’allaccio del servizio Francesco Semerano Coppola per il cambiamentoidrico. Secondo quanto indicato nella convenzione , fermo restando cause imponderabili, nei trenta giorni seguenti al sopralluogo da parte del tecnico Aqp, si potrà finalmente ottenere l’allaccio con tutti i vantaggi che ne derivano per i clienti». Così il consigliere comunale di Direzione Italia Francesco Semerano che ha seguito da vicino la stesura della convenzione tra l’amministrazione comunale e la società. «Non verrà abbassato il livello di attenzione sui ripristini dei manti stradali e della bontà degli interventi che la ditta appaltatrice dovrà eseguire. Il lavoro svolto da parte dell’assessore ai lavori pubblici Emanuele Giaccari e degli uffici di competenza ha fatto in modo che si redigesse una convenzione che tutela l’amministrazione e le sue strade, anche per la stipula della polizza, come risarcimento per eventuali danni. La firma della convenzione, che sarà di carattere sperimentale e con una durata iniziale di 6 mesi, ci darà indicazioni – conclude Semerano – sulla bontà della scelta fatta e dello spirito per cui è nata: essere vicini alle esigenze dei cittadini».