Commissione Antimafia comune di Ostuni

Lavoratori ex Gial Plast, sit in di protesta del sindacato COBAS in Piazza della Libertà

Il Sindacato Cobas svolgerà un sit in in Piazza della Libertà a Ostuni Venerdì 4 Maggio alle ore 8,30 a sostegno di 2 stagionali impegnati nella raccolta dei rifiuti che da due anni non vengono fatti lavorare per decisioni profondamente sbagliate prese allora dalla ditta Gial Plast.

2 Anni fa la Gial Plast insieme alla Bianco Igiene Ambientale gestivano insieme la raccolta ad Ostuni ed i 2 lavoratori , dipendenti Gial Plast , vennero lasciati a casa per la cattiva interpretazione di una misura interdittiva in cui era coinvolta la sola Gial Plast.

La battaglia del Sindacato Cobas dimostrò nel corso del tempo che per un lavoratore i trascorsi giudiziari di 20/25 anni prima non portavano al licenziamento: in un verbale di incontro di 2 estati fa la Prefettura di Lecce affermava che i licenziamenti erano frutto solo di una scelta aziendale quella di Gial Plast, non certamente i licenziamenti erano suggeriti dalla Prefettura di Lecce.

In quello stesso periodo anche lavoratori stagionali vennero esclusi dal lavoro da Gial Plast perché avevano avuto vecchissimi precedenti penali ; ma per loro l’esclusione è rimasta tutta perché la legge, a differenza dei lavoratori a tempo indeterminato non prevede l’obbligo alla riassunzione.

Al limite se fai causa ricevi una indennità di 3 mesi perché non è stato applicato il diritto di precedenza. In questo caso a pagare ingiustamente sono i precari che con quei pochi mesi di lavoro che svolgevano riuscivano a mandare a stenti la famiglia, recuperando anche qualche mese di disoccupazione.

Il Cobas ha incontrato la Bianco igiene Ambientale a cui ha chiesto un gesto riparatore ad un danno subito da questi lavoratori ;pur non essendo stati a suo tempo suoi lavoratori ,ma in forza a Gial Plast, non avendo quindi nessun tipo di responsabilità diretta. La risposta della ditta Bianco è stata negativa.

Intanto la Bianco sta prendendo al loro posto altre persone; insomma sembra di essere in un circo Romano dove i gladiatori lottano per la sopravvivenza.

Il Cobas chiederà venerdì mattina un incontro con il Sindaco di Ostuni, Guglielmo Cavallo, affinchè convochi un incontro in cui chiedere alla ditta Bianco un atto umanitario e riparatore nei confronti di questi lavoratori.

Il Cobas non può accettare che persone così bisognose vengano danneggiate per scelte sbagliate da parte di aziende che lasciano sul terreno vittime che non hanno commesso niente.