Volantino Spazio Conad Mesagne

La ricetta per sconfiggere l’ansia è estremamente semplice, e può essere applicata da chiunque. Di fronte a quella crescente sensazione di disagio che sembra paralizzare il respiro e la mente, molte persone evitano di  affrontarla, lasciandosi completamente andare ai più comuni sintomi della depressione. In alcuni casi si tratta di condizioni patologiche per le quali è assolutamente necessario l’intervento di uno specialista, di uno psichiatra che analizzi la situazione e provveda immediatamente a consigliare le cure necessarie, quasi sempre di natura farmacologica. In altri casi, l’ansia e l’inquietudine rappresentano unicamente delle amplificazioni di una condizione interiore piuttosto irrequieta, ma del tutto priva di una reale sostanza. Anche in quest’ultimo caso, la reazione più comune, da parte dei diretti interessati, è quella di rivolgersi al proprio medico o a uno psicologo, sperando che questi specialisti possano consigliargli una cura o un farmaco miracoloso che scacci l’ansia, per poi scoprire che tali rimedi sono completamente inutili, se non addirittura dannosi per il proprio equilibrio interiore. Questi processi sono stati enormemente accelerati dal Covid-19, che ha lasciato tracce profonde in ogni singola persona sulla faccia della terra. Non è un caso che in questo periodo, dal 2019 in poi, le richieste di aiuto agli psicologi siano enormemente aumentate, in particolare da parte dei giovani e dei giovanissimi, che si sono improvvisamente ritrovati a confrontarsi con una reclusione forzata e con una condizione, quella relativa alla didattica a distanza, per cui non erano in alcun modo preparati, e che molti faticano tuttora a comprendere.

Gli effetti del Covid-19

La pandemia globale non ha accelerato unicamente lo sviluppo tecnologico e la spinta innovativa delle aziende, ma ha anche spinto numerosissime persone sull’orlo di una crisi di nervi, costringendole a rivolgersi al sistema sanitario non solo per i sintomi del Coronavirus, ma anche per chiedere un supporto e un’assistenza di natura psichica. La maggior parte delle persone è dunque abituata a cercare un aiuto esterno, un supporto proveniente da istituzioni, specialisti e professionisti del settore, a cui ognuno sembra aggrapparsi con estrema tenacia, quasi con rassegnazione. Anziché affannarsi nella ricerca di una soluzione situata al di fuori di sé, da ottenere anche con il supporto di altre persone, ognuno di noi dovrebbe innanzitutto imparare a rivolgere lo sguardo al proprio interno, con un’autoanalisi attenta e scrupolosa dei nostri sentimenti, con l’obiettivo di prenderne coscienza e di considerarli sempre più per quello che sono. Sembrerà paradossale, ma il primo passo da compiere, nel caso di un attacco d’ansia o di una crisi depressiva prolungata, consiste nel prendere coscienza di queste sensazioni e di accettarle. Lottare contro di esse non ha alcun senso, è soltanto un’inutile e dannosa perdita di tempo. Ogni nostra sensazione, anche quella più problematica, deve essere innanzitutto identificata, interiorizzata e accettata. Quando avremo imparato a riconoscerla e a considerarla per quello che è, avremo anche acquisito la capacità di liberarcene completamente. Dopotutto, si tratta unicamente di pensieri originati all’interno della nostra mente, ossia di una materia eterea e priva di sostanza. In altre parole, si tratta di pensieri e sensazioni che non esistono, sono semplicemente delle illusioni da cui ci si deve staccare completamente, nel più breve tempo possibile. Imparare ad accettare il disagio, in definitiva, è senz’altro uno dei metodi migliori per neutralizzarlo, per sconfiggerlo. L’introspezione come indicato su Cosmopolitan, in ogni caso, è soltanto una delle possibili vie con cui è possibile prendersi cura di se stessi. Un’altra strategia vincente consiste nel realizzare una lista delle attività che preferiamo, di tutto ciò che ci procura emozioni vive, palpitanti, e di abbandonarci completamente a esse, senza pensare ad altro. Mentre siamo impegnati in queste ultime attività – che variano da persona a persona -, la nostra mente non si focalizzerà su nient’altro, e raggiungerà così un invidiabile stato di serenità.

Una questione di principio

Anche all’interno di piattaforme VegasSlotsOnline si applicano questi principi: ai giocatori viene infatti proposto di sperimentare frequentemente le proprie slot preferite, confidando sul fatto che l’utente, una volta conosciuta la qualità di un gioco o di una slot, vi tornerà quasi sicuramente, con l’obiettivo di concedersi una pausa rilassante e divertente, lontano dai problemi della quotidianità. I giochi proposti dalla piattaforma sono stati accuratamente selezionati in base a severi criteri di affidabilità e di puntualità, specialmente per quel che riguarda i pagamenti e i prelievi, e rappresentano dunque una garanzia di assoluta sicurezza per qualsiasi giocatore.

Tutto ciò di cui abbiamo bisogno, anche nelle situazioni più complesse, è vicino, molto più vicino di quanto si possa pensare. Basta chiudere gli occhi e cercarlo dentro di sé.

Continua a leggere su OstuniNotizie.it