Lavori in corso Vittorio Emanuele
Lavori in corso Vittorio Emanuele
Erboristeria Mirto Ostuni

«Noi completamente tagliati fuori dall’area turistica. Il cantiere va a rilento, la chiusura al traffico, poi, è completamente fuori controllo.Siamo in seria difficoltà».

Protestano i commercianti di Corso Vittorio Emanuele, ad Ostuni, per la viabilità nel tratto di strada per raggiungere il cuore del centro storico della Città bianca, interessato dai lavori di potenziamento della rete elettrica, e dalle misure per la zona a traffico limitato. Alle istanze degli operatori rispondono l’amministrazione comunale e l’ Enel Puglia e Basilicata, che tramite il proprio ufficio stampa fornisce alcuni chiarimenti sull’esecuzione delle opere in corso.

«I lavori non sono fermi. In questi giorni gli operai hanno effettuato l’intervento in un’altra zona, in un impianto propedeutico, comunque, a quanto avverrà nei prossimi giorni in corso Vittorio Emanuele. Entro 10 giorni, meteo permettendo, contiamo di completare l’opera. Vogliamo- spiegano dall’ufficio stampa dell’ Enel- tranquillizzare tutti. Ricordiamo che sono lavori fatti nell’interesse della collettività, perché servono a migliorare la qualità del servizio elettrico a tutti. Ci rendiamo conto dei disagi, ma non c’è nessun disinteresse da parte dell’azienda».

Un ‘area, quella di corso Vittorio Emanuele, attualmente transennata da settimane, per maggiore sicurezza anche dei pedoni. «Il ripristino dei luoghi è stato fatto e sarà completato nel rispetto di quelle che sono le caratteristiche del luogo, con una pavimentazione per la quale c’è stata una sinergia proficua con gli uffici del comune di Ostuni» concludono dall’ufficio stampa di Enel Puglia e Basilicata.

L’altro fronte caldo, contestato dai commercianti, resta una viabilità della zona a traffico limitato che stenta a decollare nei pressi del centro storico della Città bianca. Transenne e cancelli removibili dall’area del comando della polizia municipale, spesso in balìa, dello scarso senso civico di diversi cittadini. «Nessuno di noi contesta la possibilità di una chiusura della piazza. Quello che al momento vogliamo denunciare – dichiara Nicola Saponaro – titolare della pasticceria “Dolci Momenti” è l’assenza di un cronoprogramma per definire una volta per tutte quello che deve essere il destino di questa zona. Ormai da giorni avvertiamo un libero arbitrio da parte di tutti. Chiediamo risposte certe ed immediate: le nostre aziende sono in seria difficoltà».

Leggi anche  Villanova, operari a lavoro per la riqualificazione tra lavori pubblici e rimozione della poseidonia

Alle istanze degli operatori della zona risponde l’assessore alla viabilità Luigi Nacci. «Il traffico veicolare su quel tratto verrà ripristinato da lunedì. Abbiamo già preparato l’ordinanza: si potrà circolare con le auto, per raggiungere l’obelisco di Santo Oronzo in direzione Corso Cavour per tutto il giorno. Il blocco, dal lunedì al sabato, ci sarà solo dalle 19 alle 24. Prevediamo questo, a parziale deroga di quelli che sono gli intendimenti dell’amministrazione, cioè la chiusura completa della piazza, anche per venire incontro alle esigenze dei commercianti. Dal 2 luglio al 15 settembre, però, ci sarà solo un intervallo per il carico e scarico merci».

Nacci anticipa altre misure. «Le indicazioni che ho fornito come assessorato sono state oggetto di forte mediazione di carattere politico e amministrativo, ma sono indirizzate a giungere progressivamente ad un blocco completo e durato del traffico verso la Piazza. Ci stiamo organizzando ai tre varchi, (Via Roma, comando Polizia Municipale, Farmacia Rodio), con sistemi che regolamenteranno il transito consentendo l’accesso solo agli autorizzati. Per il periodo estivo questi varchi saranno presidiati dai vigili e da associazioni che stiamo contattando e organizzando»